Shakespeare su AmLaet (Amorislaetitia)

(di Irenaeus) L’omofonia tra l’abbreviazione (AmLaet) dell’esortazione postsinodale Amoris Laetitiae e il shakespeariano principe danese Amleto, nell’originale Hamlet[1], richiama la memoria sulla situazione di adulteri o ivi sceneggiata. Dramma che rappresenta innanzitutto il confronto con la propria coscienza morale che non può mai cancellare del tutto la legge divina impressa nella propria natura (Rm 2,14-15; cfr. S. Tommaso, S.Th. I-II, 94, 6): «non commettere adulterio» (Es 20,14; Dt 5,18; Mt 5,27; 19,18; Mc 10,19; Lc 18,20; Rm 13,9; Gc 2,11).

Ciò che immortala l’opera è l’eccellente rappresentazione del dramma di coscienza a proposito dell’indissolubilità matrimoniale e delle pseudo-nozze regali adulterine: da una parte, il soggettivismo ì della coscienza violentata in seguito alle peccaminose tendenze di re e cortigiani, chierici e vescovi infedeli, servili adulatori e leccapiedi arrampicatori di cariche temporali, e, dall’altra parte, l’oggettività universalmente valida della coscienza che si mantiene salda nella rettitudine e verità che da Dio viene e a Dio conduce[2], testimoniata dal sangue dei martiri.

L’espressione «Sacramento grande in Cristo e nella Chiesa» (Ef 5,32) indica un legame indissolubile tra quattro indissolubilità intrinsecamente correlate: indissolubilità naturale e sacramentale del matrimonio, indissolubilità morale del legame della coscienza con la legge divina, indissolubilità reale-teologica del Verbo divino con la Sua Umanità assunta, indissolubilità mistica dell’unione del Salvatore con la Sua Chiesa-Sposa!

Un cardinale di Curia ha pubblicato un’interpretazione ufficiosa del c. 8 di Am Laet, provando a spiegare perché chi persevera in situazione irregolare “more uxorio” potrebbe essere in grazia di Dio e accostarsi ai sacramenti fruttuosamente anziché sacrilegamente: la conversione “in intenzione”(sic!) benché continuando di fatto more uxorio”; luterana velleità del fine “ideale” concomitante il volere reale dell’oggetto di peccato, la “sola fides” del “riformatore”: «Sii peccatore e pecca fortemente, ma più fortemente credi, … da ciò non ci allontana il peccato, pure se mille volte, mille volte nel giorno fornichiamo o uccidiamo»[3].

Il Catechismo insegna invece che gli atti del peccatore pentito sono requisiti per la buona confessione, e il primo principio della sinderesi è che il male non va mai fatto, nemmeno a fin di bene[4]:di buone intenzioni è popolato l’inferno…

Nell’Amleto, Re Claudio, adulterino e fratricida usurpatore,vorrebbe ma non vuole rinunciare al peccato;davanti a lui, con Regina e Corte, Amleto ha fatto rappresentare la parodia del crimine per mano degli adulteri…e si scatena il putiferio. Aveva avvertito il suo amico Orazio:

«Ti prego d’osservare attentamente, /durante tutto il corso dell’azione, / l’aspetto di mio zio: se a un certo punto / il rimorso della sua colpa occulta / non vien fuori da solo dalla tana»

Infatti, Re e Regina sconvolti se ne vanno. Il re poi, trovandosi solo, esprime il dramma:

“RE – Il mio delitto è putrido! / Fa sentire il suo lezzo fino al cielo! / E porta il segno dell’originaria / prima maledizione… il fratricidio! / Vorrei tanto pregare, ma non posso; / la mia colpa è più forte / della mia volontà, e la soverchia. / Son come uno che, a due opere intento, / è indeciso da dove cominciare, / e le abbandona entrambe. / E che, dunque, se pur questa mia mano / fosse tutta ingommata a doppio strato / del sangue d’un fratello, / non ha pioggia bastante il dolce cielo / a rendermela bianca come neve?A che serve la grazia / se non ad affrontare faccia a faccia / il peccato? E che forza ha la preghiera / se non di trattenerci dal cadere, / e, se caduti, farci perdonare? / Posso dunque levare gli occhi in alto: / la mia colpa è passata. / Ma quale forma dare alla preghiera / nel mio stato: “Perdona il mio delitto?” … / Non può giovarmi; ché posseggo ancora / le cose per le quali ho assassinato: / il trono, la corona, la regina, / la mia ambizione così soddisfatta. / Si può ottener perdono / conservando gli effetti della colpa? / Nelle corrotte vie di questo mondo / la mano delittuosa, se dorata, / può scampare al rigore della legge; / e non di rado s’è vista la legge / farsi comprar dai frutti del delitto. /Ma lassù è diverso. Non si scappa. / Lassù l’azione si mostra com’è, / e noi là siamo posti faccia a faccia / con i nostri peccati, naso a naso, / chiamati a renderne il dovuto conto.

Allora che mi resta? Il pentimento? / Che non può il pentimento? Ma che può/ per uno che non sa come pentirsi? / O sciagurata condizione! O cuore, / nero come la morte! / O tu, avviluppata anima mia, / che più t’affanni e lotti a liberarti, / più rimani intricata! Angeli, aiuto! / Accorrete a far impeto su me! / Piegatevi, proterve mie ginocchia! / E tu, cuore, la tua fibra d’acciaio / come nervo d’infante rendi molle. / Tutto può esser bene.(Si allontana e s’inginocchia)

Malgrado la velleità, la volontà resta prigioniera dell’oggetto del peccato:

RE – (Rialzandosi): Le mie parole volano, / e i miei pensieri sempre in terra stanno; / ma senza questi, quelle in ciel non vanno.(Esce)”

Diversamente, Amleto provoca il destarsi della coscienza della Regina sua madre e le indica grazia e virtù per vincere il peccato:

“AMLETO – Oh, no, sedetevi, non vi muovete / prima ch’io v’abbia messo avanti agli occhi / uno specchio nel quale rimirare / la parte più segreta di voi stessa.

(…)E smettete di torcervi le mani! / Sedete e zitta, ch’io vi torca il cuore: / perché questo farò,se è fatto di materia penetrabile, / e se l’uso dannato che ne fate / non ve l’ha reso duro come bronzo,tanto da farlo diventar coriaceo / e refrattario ad ogni sentimento.

REGINA – Che ho fatto perché ardisca la tua lingua / dimenarsi con tanta villania / contro di me?

AMLETO – Un’azione / che sfigura la faccia della grazia / e che fa arrossir la verecondia, / un’azione che strappa via la rosa / dal volto dell’amore genuino / per deporvi un bubbone purulento; / un’azione che rende falsi e nulli / i voti delle nozze / come quelli d’un giocator di dadi; / Oh, un’azione tale / è come se strappasse via dal corpo / d’un contratto in comune stabilito / l’anima stessa, e fa d’un sacro rito / una vana accozzaglia di parole! / Il cielo stesso avvampa di rossore/ nel volger la sua faccia / su questa massa solida e compatta, / come di fronte al Giudizio finale… / nauseato dall’atto.”

Domanda allora la Regina, opprimendo la coscienza:

REGINA – Ohimè, che atto / sarà mai questo che ruggisce e tuona / così, avanti d’esser nominato?

Amleto le fa guardare l’immagine che ha dei due regali fratelli, vittima l’uno, incestuoso vittimario l’altro, e dichiara alla madre il colpevole cedimento alla concupiscenza adulterina della carne. Non vorrebbe sentire la Regina le parole che vogliono estirpare il peccato:

“REGINA – Oh, basta, finalmente, Amleto! Basta! / Tu mi fai volger gli occhi in fondo all’anima, / e là io vedo sì macchie nere / e sì tenaci, che nessun lavacro / sarà capace più di cancellare.

AMLETO – No, certo, ma seguiteranno a vivere / nel fetore d’un talamo lardoso, / crogiuolandosi nella corruzione, / tra carezze ed amplessi, e a far l’amore / in un sudicio brago…

REGINA – Amleto, basta! / Le tue parole m’entran negli orecchi / come pugnali. Basta, dolce Amleto!”

Lo spettro del Re assassinato dice al figlio:

“(…) Ma tua madre / guarda, lo smarrimento sul suo volto. / Oh, mettiti fra lei e la sua anima / sì combattuta: in più debole corpo / più forte agisce l’immaginazione./ Parlale dunque, Amleto.”

La madre non vede lo spettro, lo giudica pazzo e tenta screditare il rimprovero, allora:

“AMLETO – (…) Per amor di Dio, / madre, non vi spalmate adesso il cuore / col dolce balsamo dell’illusione / che a spingermi a parlarvi in questo modo / di queste cose sia la mia follia / e non la vostra colpa. / Sarebbe come stendere su un’ulcera, / per coprirla, una sorta di pellicola / quando la corruzione cancrenosa / va sotto sotto tutto imputridendo. / Confessatevi al cielo, / pentitevi di quel che avete fatto, / cercate di schivare il da venire, / e di non concimare la malerba / perché non cresca ancor più rigogliosa. /E perdonate a me la mia virtù, / giacché in tempi di grascia come questi, / in mezzo a tanto grasso, la virtù / è costretta a implorar perdono al vizio / e a chiedergli in ginocchio, / il permesso di procurargli bene.

REGINA – Amleto, m’hai spaccato il cuore in due.

AMLETO – Gettate via la parte d’esso guasta, / e vivete più pura con quell’altra… / E così, buonanotte… / Ma non tornate al letto di mio zio. / Assumete su voi una virtù / se proprio non l’avete: l’abitudine, / questo mostro che ci divora sensi, / diavolo delle usanze, in questo è un angelo / che all’esercizio d’atti onesti e puri / fornisce una divisa, una livrea / che ci si adatta addosso facilmente. / Fate astinenza, almeno questa notte; / questo vi renderà più tollerabile / la prossima, e ancor più le seguenti: / l’abitudine può quasi cambiare / l’impronta dataci dalla natura, / piegare il diavolo, o cacciarlo via / del tutto, con meravigliosa forza. / Ancora, buona notte. / E quando sentirete il desiderio / d’una benedizione, / sarò io ad implorar la vostra.”

Fin qui l’Amleto shakespeariano. “Non voglio la morte del peccatore, ma che si converta e viva” (Ez 33,11), dichiara Dio per i suoi veri profeti, avvertendo per amore la necessità di autentica conversione, per la quale mai mancherà la grazia:

Figlioli, nessuno v’inganni. … Chiunque è nato da Dio non commette peccato, perché un germe divino dimora in lui, e non può peccare perché è nato da Dio. Da questo si distinguono i figli di Dio dai figli del diavolo: chi non pratica la giustizia non è da Dio…” (1Gv 3,7-10)[5].

Mezzo secolo prima di Shakespeare, davanti alla protestante divisione schizofrenica tra fede-intenzione-idealeeopere-oggetto-peccato il Concilio di Trento proclamò la verità definitiva del dogma[6]:

«Nessuno, poi, per quanto giustificato, deve ritenersi libero dall’osservanza dei comandamenti, nessuno deve far propria quell’espressione temeraria e proibita dai padri sotto pena di scomunica[7], esser cioè impossibile per l’uomo giustificato osservare i comandamenti di Dio. Dio, infatti, non comanda l’impossibile; ma quando comanda ti ammonisce di fare quello che puoi[8]e di chiedere quello che non puoi, ed aiuta perché tu possa: i suoi comandamenti non sono gravosi[9], il suo giogo è soave e il peso leggero (Mt 11,30)».

“Can. 18. Se qualcuno dice che anche per l’uomo giustificato e costituito in grazia i comandamenti di Dio sono impossibili ad osservarsi, sia anatema.”

“Can. 20. Se qualcuno afferma che l’uomo giustificato e perfetto quanto si voglia non è tenuto ad osservare i comandamenti di Dio e della Chiesa, ma solo a credere, come se il Vangelo non fosse altro che una semplice e assoluta promessa della vita eterna, non condizionata all’osservanza dei comandamenti: sia anatema.”

[1]The Tragedy of Hamlet, Prince of Denmark (ca. 1600-1602).Traduzione italiana di G. Raponi, ed. online in www.liberliber.it, 20163.

[2]Cfr. Mt 6,22-23; 22,37-40; Rm 2,14s.;Gal 5,14; Cost. Gaudium et spes, 16;CCC, “La coscienza morale”, nn. 1776-1802; S. Giovanni Paolo II, VeritatisSplendor, n. 4 §3; nn. 31- 64.

[3]Lettera a Melantonedel 1 agosto 1521, Weimar Ausgabe, Br. 2, Nr. 424, S. 372, 84.89-90.

[4]Cfr. S. Agostino, Contra mendacium, VII, 18: PL 40, 528; cf S. Tommaso D’Aquino, Quaestionesquodlibetales, XI, q. 7,a. 2; Catechismo della Chiesa Cattolica, nn. 1753-1755; Veritatissplendor 81.

[5] Cfr. Sir 16,14; 21,6; Ez 33,7-16.

[6]Decreto sulla Giustificazione, Cap. XI. Dell’osservanza dei comandamenti e della sua necessità e possibilità.

[7] N. 100: Cfr. tra gli altri il Conc.Arausicano II (529) dopo il c. 25 (Msi 8, 717).

[8] N. 101: Cfr. Agostino, De natura et gratia, 43 (50) (CSEL 60, 270).

[9] N. 102: Cfr. I Gv 5, 3.

Donazione Corrispondenza romana
  • Francesco impone la concelebrazione nei collegi romani
    (di Roberto de Mattei) In Vaticano corre questa voce. A un collaboratore che gli ha chiesto se sia vero che esista una commissione per “reinterpretare” la Humanae vitae, papa Francesco avrebbe risposto: «Non è una commissione, è un gruppo di … Continua a leggere
  • Considerazioni teologiche e liturgiche sulla concelebrazione
    (di Cristiana de Magistris) Fino al Concilio Vaticano II la concelebrazione non è stata una questione particolarmente disputata. La tradizione e la prassi della Chiesa erano ben consolidate e non v’era motivo di sollevar questioni. La diatriba è iniziata col … Continua a leggere
  • Il vero volto di don Lorenzo Milani
    (di Cristina Siccardi) «Mi piacerebbe», ha dichiarato Papa Francesco ai partecipanti alla presentazione dell’Opera omnia di don Lorenzo Milani alla Fiera dell’Editoria italiana di Milano lo scorso aprile, «che lo ricordassimo soprattutto come credente, innamorato della Chiesa anche se ferito, … Continua a leggere
  • La riabilitazione di un ribelle: don Lorenzo Milani
     (di Mauro Faverzani) Papa Francesco ha reso omaggio a don Lorenzo Milani a Barbiana in occasione del cinquantesimo anniversario della sua morte. Ma Pier Luigi Tossani, un cattolico toscano di 62 anni, ha rivolto via web una supplica al Papa … Continua a leggere
  • Il Sacro Cuore di Gesù pulsa per la nostra salvezza
    (di Cristina Siccardi) Che cos’è il tempo per Dio e per la Sua Chiesa? Un mezzo. E come tale deve essere considerato anche dai credenti in Cristo. Non sappiamo per quanto tempo permarranno gli scandali dottrinali e morali in cui … Continua a leggere
  • Lo scandalo del silenzio
    I quattro cardinali, autori dei “dubia” concernenti l’Esortazione Amoris laetitia, hanno reso nota, attraverso il blog del vaticanista Sandro Magister, una richiesta di udienza che il cardinale Carlo Caffarra ha presentato al Papa lo scorso 25 aprile ma che, come … Continua a leggere
  • Il piano di “reinterpretazione” della Humanae vitae
    (di Roberto de Mattei) Sarà mons. Gilfredo Marengo, docente al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II, il coordinatore della commissione nominata da papa Francesco per “reinterpretare”, alla luce della Amoris laetitia, l’enciclica Humanae Vitae di Paolo VI, in occasione del cinquantenario … Continua a leggere
  • Il significato profondo della festa del Corpus Domini
    (di Cristina Siccardi) La festa del Corpus Domini è alle porte, ma quanti ancora comprendono in profondità questo sublime miracolo d’amore? Il significato profondo della festa del Corpus Domini was last modified: giugno 14th, 2017 by redazione
  • L’inferno nell’arte cristiana
    (di Cristina Siccardi) Nella storia dell’arte cristiana, unica arte iconica fra le religioni monoteiste (in quella protestante, ebraica, islamica la figurazione è rigettata a priori), la rappresentazione del destino ultimo dei dannati è sempre stato un dato di fatto. Committenti … Continua a leggere
  • “La Russia sarà cattolica”
    (di Roberto de Mattei) “La Russia sarà cattolica”: è questa l’iscrizione che fu apposta sulla tomba del padre Gregorio Agostino Maria Šuvalov nel cimitero di Montparnasse a Parigi. Per questa causa il barnabita russo si immolò come vittima (Antonio Maria … Continua a leggere