Ratzinger continuerà a chiamarsi Benedetto XVI

Print Friendly, PDF & Email

Benedetto XVI(vatican Insider) Joseph Ratzinger conserverà il nome papale anche dopo le 20 del prossimo 28 febbraio, quando lascerà il pontificato: continuerà a chiamarsi Benedetto XVI e ci si rivolgerà a lui come a Sua Santità. Diventerà «Papa emerito» o «Romano Pontefice emerito».

Il portavoce vaticano, durante il briefing con i giornalisti, ha spiegato che Ratzinger continuerà a vestirsi di bianco, ma con la talare semplice, non con la «pellegrina», quella specie di mantelletta delle talari vescovili. Inoltre, ha detto Lombardi, non porterà più le scarpe rosse. «Ma il Papa ne aveva anche di marroni – ha spiegato il portavoce – e in particolare era molto contento per un paio di scarpe che gli sono state donate durante il viaggio in Messico del 2012, a Leòn».

Alle 20 di giovedì l’anello del pescatore e il sigillo papale saranno distrutti. Ratzinger continuerà a portare un anello, ma non più quello papale. L’inizio della sede vacante, la sera del 28 febbraio, sarà visivamente segnato dal fatto che le guardie svizzere incaricate di vigilare sul Papa, dalla sera di quel giorno lasceranno Castel Gandolfo, perché da quel momento il Papa non ci sarà più.

Per quanto riguarda l’inizio delle congregazioni generali dei cardinali, il decano Angelo Sodano farà partire la convocazione per i porporati il giorno 1° marzo: questo significa che la prima congregazione si terrà lunedì 4 marzo, non prima. E dunque prima della prossima settimana non sarà possibile conoscere la data del conclave.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Donazione Corrispondenza romana
  • Le incognite della fine di un pontificato
    (Roberto de Mattei) Le dimissioni di Benedetto XVI saranno ricordate come uno degli eventi più catastrofici del nostro secolo, perché hanno aperto la porta non solo a un disastroso pontificato, ma soprattutto a una situazione di caos crescente nella Chiesa. … Continua a leggere
  • La vera origine delle divisioni nella Chiesa
    (di Roberto de Mattei, Il Tempo, 14 settembre 2016) Informazioni, disinformazioni, verità, mezze verità, menzogne, sembrano mescolarsi nella strategia di comunicazione della Santa Sede. La storia della Chiesa viene scritta da interviste, discorsi improvvisati, articoli su blog paraufficiali, indiscrezioni mediatiche, … Continua a leggere
  • Due Papi in Tv: analisi critica della comunicazione vaticana
    (di Francesco Mastromatteo su Campari&deMaistre) L’elezione di Papa Francesco ha scatenato un’ enorme eco mediatica sulla – vera o presunta – “novità rivoluzionaria” costituita dal nuovo Pontefice.  Vogliamo qui soffermarci meglio sull’epocale incontro avvenuto oggi a Castel Gandolfo con il … Continua a leggere
  • Con una mano invisibile… La Tiara o Triregno
    (su chiesaepostconcilio) Appena Benedetto XVI ha lasciato il balcone, si è alzata una folata di vento. Ha sollevato e spostato l’arazzo con lo stemma papale, scoprendo ciò che esso copriva : la tiara (1), la corona dei papi con le … Continua a leggere
  • Christoph Schönborn, se questo è un conservatore…
    (di Leandro Mariani) Per intero, si chiama Christoph Maria Michael Hugo Damian Peter Adalbert Schönborn. Secondogenito del conte Hugo-Damian von Schönborn e della baronessa Eleonore Ottilie Hilda Maria von Doblhoff, è nato il 22 gennaio 1945 nella vecchia Austria. Christoph … Continua a leggere
  • Chi sarà il nuovo Papa?
    (su circolopliniocorreadeoliveira) Questa domanda avrà una risposta solo tra qualche giorno, ma c’è qualcosa che tutti noi, cattolici del mondo intero, possiamo fare: pregare ed inviare un messaggio al Papa ancora ignoto. Perché inviare un messaggio alla persona di cui … Continua a leggere
  • Un americano a Roma, verso la cattedra di Pietro
    (di Sandro Magister su www.chiesa del 7-3- 2013) La scommessa più facile è che il prossimo papa non sarà italiano. Ma nemmeno europeo, africano, asiatico. Per la prima volta nella bimillenaria storia della Chiesa il successore di Pietro potrebbe venire dalle … Continua a leggere
  • Lo Spirito Santo e il prossimo Conclave
    (di Roberto de Mattei) Gli occhi di tutto il mondo, non solo dei cattolici, sono rivolti in questo momento a San Pietro, per conoscere chi sarà il nuovo Vicario di Cristo. L’attesa che si manifesta alla vigilia di ogni Conclave … Continua a leggere
  • Un cattolicesimo sempre più “clericale”… e sempre meno cattolico
    (di Corrado Gnerre su Il Giudizio Cattolico del 05-03-2013)  Dinanzi a coloro che hanno manifestato qualche perplessità in merito all’opportunità della rinuncia di Benedetto XVI c’è chi ha parlato di “papalini” che hanno avuto la pretesa di mettersi al di … Continua a leggere
  • Chi ama veramente il Papa?
    (su Radicati nella fede) Ma chi ama veramente il Papa? C’è da domandarselo in un momento così! Pensavamo di non vedere, prima di morire, le dimissioni del Papa. Chi ama veramente il Papa? was last modified: Marzo 5th, 2013 by … Continua a leggere