Quei concerti per Lutero sono una nota decisamente stonata

(di Mauro Faverzani) Che a cento anni dalle apparizioni di Fatima, in una chiesa cattolica, quella del Redentore a Modena, non si trovi di meglio che festeggiare il quinto centenario della riforma luterana con un ciclo di cinque concerti, promossi dal locale Consiglio delle chiese cristiane, è veramente sconcertante.

Ma ancor più sconcertante è la modalità, con cui si è cercato di giustificare tale scelta. In un’intervista al settimanale diocesano Nostro Tempo, l’Arcivescovo, mons. Erio Castellucci (oggi dato come outsider per la Presidenza della Cei, benché semplice parroco a Forlì sino a due anni fa), ha parlato, tra l’altro, della «possibilità di utilizzare le chiese per iniziative non legate al culto», dicendola «regolata da norme e da prassi ormai collaudate». Esatto. Norme e prassi, che tuttavia dicono altro.

Il can. 1210 del Codice di Diritto Canonico sancisce: «Nel luogo sacro sia consentito solo quanto serve all’esercizio ed alla promozione del culto, della pietà, della religione e vietata qualunque cosa sia aliena dalla santità del luogo. L’Ordinario, però, per modo d’atto può permettere altri usi, purché non contrari alla santità del luogo».

Precisazione, questa, molto importante: rientrano in essa iniziative pensate espressamente per celebrare il compleanno di uno scisma voluto da uno scomunicato? Stando alla Lettera della Congregazione per il Culto Divino, Concerti nelle chiese, del 5 novembre 1987, parrebbe proprio di no: la chiesa, infatti, «rimane luogo sacro, anche quando non vi sia una celebrazione liturgica» (art. 5); quindi, utilizzarla «per altri fini diversi dal proprio», ne «mette in pericolo la caratteristica di segno del mistero cristiano». Chiarissimo.

Persino la Costituzione sulla Sacra Liturgia Sacrosanctum Concilium definisce «il fine della musica sacra» essere «la gloria di Dio e la santificazione dei fedeli» (n. 112) e non altro, raccomandando che «i testi destinati al canto sacro siano conformi alla Dottrina cattolica» (n. 121). Il che non è proprio il caso di un evento pensato esplicitamente per commemorare la Riforma protestante, proponendo autori protestanti, commentati da pastori protestanti.

Vi è poi anche un dato tecnico, da tener presente. La Congregazione per il Culto Divino, nella sua Lettera del 1987 sui Concerti nelle chiese, ha specificato come le concessioni l’Ordinario le possa accordare «per modum actus» solo «relativamente a concerti occasionali. Si esclude pertanto una concessione cumulativa, per esempio, nel quadro di un festival o di un ciclo di concerti» (art. 10). Qual è, invece, quello di Modena, che cozza, dunque, per forma e per sostanza, proprio contro le disposizioni in materia. (Mauro Faverzani)

Donazione Corrispondenza romana
  • Chiesa e uomini di Chiesa
    (di Roberto de Mattei) La coraggiosa denuncia degli scandali ecclesiastici fatta dall’arcivescovo Carlo Maria Viganò ha suscitato il consenso di molti, ma anche la disapprovazione di alcuni, convinti che bisognerebbe coprire con il silenzio tutto ciò che scredita i rappresentanti … Continua a leggere
  • La devozione a Maria Bambina
    (di Cristina Siccardi) L’8 settembre scorso abbiamo festeggiato la natività di Maria Santissima. Grande momento liturgico per la Chiesa per ricordare il giorno in cui una discendente della linea di Re Davide sarebbe divenuta la Madre del Salvatore. Esiste una … Continua a leggere
  • L’arcivescovo Viganò: punito per aver detto la verità?
    (di Roberto de Mattei) L’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che ha portato alla luce l’esistenza di una rete di corruzione in Vaticano, chiamando in causa i responsabili, a cominciare dalle supreme autorità ecclesiastiche, sarà punito per aver detto la verità? Papa … Continua a leggere
  • Alcune domande inquietanti sul caso “Kim Davis”
    (di Emmanuele Barbieri) La documentazione fornita dall’arcivescovo Viganò in merito al “caso Kim Davis” fa molto più che smentire la versione dei fatti presentata dall’omosessuale dichiarato Juan Carlos Cruz sul New York Times secondo il quale papa Francesco avrebbe licenziato … Continua a leggere
  • Crollo della chiesa, crisi nella Chiesa
    (di Cristina Siccardi) Il collasso del tetto della chiesa seicentesca San Giuseppe dei Falegnami, al Foro romano, nel cuore storico di Roma, arriva in un momento di profondo malessere della Chiesa, di scontri dottrinali e personali apertis verbis, che il silenzio … Continua a leggere
  • Crolla la chiesa, crolla l’Europa
    (di Alfredo De Matteo) I dati di uno studio sulla demografia europea del Berlin Institute for Population and Development certificano l’inverno demografico dell’Europa ed in particolare della Grecia, uscita con le ossa rotte dalle misure di austerità che hanno letteralmente … Continua a leggere
  • «Io non dirò una parola su questo»
    (di Roberto de Mattei) «Io non dirò una parola su questo». Con questa frase, pronunciata il 26 agosto 2018 nel volo di ritorno Dublino-Roma, papa Francesco ha reagito alle impressionanti rivelazioni dell’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che lo chiamavano direttamente in … Continua a leggere
  • Non solo padre Martin, da Dublino indicazioni per una nuova “pastorale LGBT”
    (di Lupo Glori) Accanto al controverso e contestato intervento del gesuita americano, su posizioni notoriamente pro gay, padre James Martin, il World Meeting of Families che si è appena concluso a Dublino, è stato caratterizzato anche da un altro incontro … Continua a leggere
  • Dossier su Padre Pio su Radici Cristiane
    (di Mauro Faverzani) A Padre Pio da Pietrelcina, il Santo del Gargano, viene dedicato il dossier, particolarmente ricco, del n. 136 di settembre del mensile Radici Cristiane, in distribuzione nei prossimi giorni. Dossier su Padre Pio su Radici Cristiane was … Continua a leggere
  • Perché Famiglia Cristiana e la CEI sono contro Salvini?
    (di Niccodemo Graber) La copertina di Famiglia Cristiana che equipara il ministro degli Interni Matteo Salvini a Satana è solo il più pesante dei tanti attacchi che la Lega e il nuovo governo subiscono ad opera dell’ufficialità clericale italiana. Ormai … Continua a leggere