Qual è la vera fede cattolica? di Corrado Gnerre

(di Cristina Siccardi) «La ragione che pretende esaurire tutto il reale, in realtà fa esaurire (nel senso di esaurimento nervoso) l’uomo stesso», tale affermazione andrebbe scritta a caratteri cubitali sui manifesti delle affissioni cittadine. È un concetto tanto semplice, quanto reale, a scriverlo è Corrado Gnerre, autore del bel libro Qual è la vera Fede Cattolica? (Fede & Cultura, Verona 2012, pp. 66, € 8,50), che si inserisce alla perfezione in questo Anno della Fede indetto da Benedetto XVI. Per rispondere al quesito, l’autore fa una premessa dove spiega che la ragione vera è la ragione-ragionevole e non la ragione-razionalista, che dall’Illuminismo ad oggi viene declamata e posta nell’Olimpo della vita umana.

La quotidianità ci mette di fronte, ogni giorno, a scelte da prendere in maniera ragionevole o in maniera razionalista: la prima si dimostra essere sempre vincente nel suo carattere naturale, a dispetto della seconda che può condurre alla paranoia, perché, applicare pedestremente il metodo positivistico ai pensieri e alle azioni ordinarie significa “sclerare”, ecco che la Fede non si coniuga con il razionalismo, il cui orizzonte è unicamente cerebrale.

L’attuale Cattolicesimo ha subíto l’influsso della mentalità illuminista: molti vivono la Fede come mera esperienza, come semplice sentimento religioso, altri, invece, come aderenza esclusivamente intellettuale. «La fede come esperienza ha radici antiche (quella luterana è di questo tipo), ma ha trovato terreno fertile nel modernismo teologico che si è espresso nel rifiuto della metafisica tradizionale a favore di un concetto di verità paradossalmente mutevole»: è normale che una fede siffatta sia aperta a qualsiasi tipo di relativismo religioso. Siamo di fronte all’eresia modernista che ha cercato di coniugare il pensiero moderno con la Chiesa, un’eresia che san Pio X condannò nella Pascendi Dominici Gregis del 1907, ma che è rimasta viva e vegeta, seminando confusione, errori, peccati.

Il Modernismo, lo «scolo di tutte le eresie», come l’ ha definito san Pio X,  ha infettato diversi campi e Gnerre ricorda i sei enunciati da Papa Sarto: il modernista filosofo, il modernista credente, il modernista teologo, il modernista storico-critico, il modernista apologeta, il modernista riformatore. DAl Credo, con questa mentalità modernista, è stata eliminata la dimensione dottrinale ed è rimasto il cosiddetto incontro con una Persona, Cristo: evidente questo approccio in diversi movimenti laicali postconciliari e in diverse parrocchie, dove si vive una Fede monca, incompleta, debole, ondivaga, sensibile ad ogni spiffero d’aria. Di qui discende il Dio non solo Misericordioso, ma “permissivo” che tutto accetta, perché il Suo amore tutto copre e tutto perdona, non lasciando il benché minimo spazio alla tensione verso la perfezione cristiana, che comporta il sacrificio (la Croce è un tutt’uno con la Fede), dove trovano libertà di azione le altre due virtù teologali: la Speranza e la Carità.

L’adesione intellettiva alla Fede è, invece, un Cristianesimo di tipo gnostico, che produce una «fede ideologica» e «autoreferenziale», dove non è necessario vivere secondo le virtù, ma è importante sottomettere la religione all’esercizio intellettuale, facendola diventare cultura applicata alla vita sociale.  Entrambi questi due modi di vivere la Fede sono viziati dalla superbia, perché in entrambi non c’è sottomissione semplice ed umile, ma orgoglio personale, sia esso basato sul proprio particulare (esperienza), sia esso basato, superbamente, sulla propria intelligenza (l’ ὕβρις); invece, spiega Gnerre, riprendendo ciò che la Tradizione Cattolica da sempre afferma, attraverso il Vangelo e i santi: «vivere con semplicità è pensare con grandezza. Cioè, se si vogliono cogliere le realtà più profonde, bisogna essere semplici. Chi si crede gigante… finisce con lo scontare il peso di un’intelligenza nana». (Cristina Siccardi)

Donazione Corrispondenza romana
  • Chiesa e uomini di Chiesa
    (di Roberto de Mattei) La coraggiosa denuncia degli scandali ecclesiastici fatta dall’arcivescovo Carlo Maria Viganò ha suscitato il consenso di molti, ma anche la disapprovazione di alcuni, convinti che bisognerebbe coprire con il silenzio tutto ciò che scredita i rappresentanti … Continua a leggere
  • La devozione a Maria Bambina
    (di Cristina Siccardi) L’8 settembre scorso abbiamo festeggiato la natività di Maria Santissima. Grande momento liturgico per la Chiesa per ricordare il giorno in cui una discendente della linea di Re Davide sarebbe divenuta la Madre del Salvatore. Esiste una … Continua a leggere
  • L’arcivescovo Viganò: punito per aver detto la verità?
    (di Roberto de Mattei) L’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che ha portato alla luce l’esistenza di una rete di corruzione in Vaticano, chiamando in causa i responsabili, a cominciare dalle supreme autorità ecclesiastiche, sarà punito per aver detto la verità? Papa … Continua a leggere
  • Alcune domande inquietanti sul caso “Kim Davis”
    (di Emmanuele Barbieri) La documentazione fornita dall’arcivescovo Viganò in merito al “caso Kim Davis” fa molto più che smentire la versione dei fatti presentata dall’omosessuale dichiarato Juan Carlos Cruz sul New York Times secondo il quale papa Francesco avrebbe licenziato … Continua a leggere
  • Crollo della chiesa, crisi nella Chiesa
    (di Cristina Siccardi) Il collasso del tetto della chiesa seicentesca San Giuseppe dei Falegnami, al Foro romano, nel cuore storico di Roma, arriva in un momento di profondo malessere della Chiesa, di scontri dottrinali e personali apertis verbis, che il silenzio … Continua a leggere
  • Crolla la chiesa, crolla l’Europa
    (di Alfredo De Matteo) I dati di uno studio sulla demografia europea del Berlin Institute for Population and Development certificano l’inverno demografico dell’Europa ed in particolare della Grecia, uscita con le ossa rotte dalle misure di austerità che hanno letteralmente … Continua a leggere
  • «Io non dirò una parola su questo»
    (di Roberto de Mattei) «Io non dirò una parola su questo». Con questa frase, pronunciata il 26 agosto 2018 nel volo di ritorno Dublino-Roma, papa Francesco ha reagito alle impressionanti rivelazioni dell’arcivescovo Carlo Maria Viganò, che lo chiamavano direttamente in … Continua a leggere
  • Non solo padre Martin, da Dublino indicazioni per una nuova “pastorale LGBT”
    (di Lupo Glori) Accanto al controverso e contestato intervento del gesuita americano, su posizioni notoriamente pro gay, padre James Martin, il World Meeting of Families che si è appena concluso a Dublino, è stato caratterizzato anche da un altro incontro … Continua a leggere
  • Dossier su Padre Pio su Radici Cristiane
    (di Mauro Faverzani) A Padre Pio da Pietrelcina, il Santo del Gargano, viene dedicato il dossier, particolarmente ricco, del n. 136 di settembre del mensile Radici Cristiane, in distribuzione nei prossimi giorni. Dossier su Padre Pio su Radici Cristiane was … Continua a leggere
  • Perché Famiglia Cristiana e la CEI sono contro Salvini?
    (di Niccodemo Graber) La copertina di Famiglia Cristiana che equipara il ministro degli Interni Matteo Salvini a Satana è solo il più pesante dei tanti attacchi che la Lega e il nuovo governo subiscono ad opera dell’ufficialità clericale italiana. Ormai … Continua a leggere