Serie tv popolare ma indecente, chiesa vietata a fiction Usa

DubrovnikQuesta vicenda è la riprova di come, a far valere i propri diritti, non solo non si sbaglia, ma si ottengono anche i risultati sperati: fiction o non fiction, la Chiesa Cattolica, in Croazia, ha vietato che lo staff della popolare serie tv «Game of Thrones» girasse una scena di nudo femminile in un tempio di Dubrovnik, sagrato compreso. Il copione della quinta stagione prevedeva che la regina Cersei Lannister, interpretata dall’inglese Lena Headey, uscisse senza veli dalla chiesa di San Nicola (nella foto, uno scorcio) ed attraversasse la Porta Reale diretta verso il palazzo rinascimentale di Sponza. In campo è sceso addirittura l’Arcivescovo locale, Mate Uzinić, che ha definito la scena «indecente e contraria alla morale cristiana», spiegando anche di non poter concedere l’autorizzazione, avendo «una dimensione spirituale il rispetto dovuto a questi luoghi». A darne notizia è stato per primo il sito d’informazione croato TPortal, immediatamente ripreso dalla stampa internazionale: l’agenzia on line francese Courrier International, facente capo al gruppo Le Monde, ha addirittura gridato allo scandalo, imputando al legittimo e dovuto diniego ecclesiastico l’aver «messo in pericolo» l’intera serie.

Eppure il Codice di Diritto Canonico, al n. 1210, è chiarissimo: «Nel luogo sacro sia consentito solo quanto serve all’esercizio ed alla promozione del culto, della pietà, della religione e vietato qualunque cosa sia aliena dalla santità del luogo». E’ evidente come la scena in questione non corrispondesse, anzi contrastasse frontalmente tale disposizione.

Del resto, è difficile che i produttori si siano sorpresi: la loro pretesa di utilizzare la Cattedrale di Sibenik come set della serie già a luglio si scontrò col fermo e netto “no” opposto dall’Arcivescovo locale, mons. Ante Ivas.

La nota fiction statunitense, basata sui romanzi «Cronache del Ghiaccio e del Fuoco», è di casa a Dubrovnik ed in altre località della costa adriatica croata: qui sono state girate la seconda e la quarta serie. Per il genere fantasy medievalizzante le antiche mura della zona, l’isola di Lokrum, il giardino botanico Trsteno Arboretum, la fortezza di Lovrijenac ed altre zone han fatto da sfondo alla Porta Reale, alla capitale dei Sette Regni ed alla sede del Trono di Ferro.

In questo caso, tuttavia, regista ed attori han dovuto fare i bagagli ed andare a girare la scena incriminata altrove: il divieto non è, né poteva servire a rendere la fiction migliore, ma per lo meno a tutelare il rispetto dovuto ad un luogo sacro, questo sì.

Donazione Corrispondenza romana