Politica italiana: siamo tutti esodati, tranne la Fornero

(di Danilo Quinto) «Risolverò io il problema degli esodati, insieme a quello della flessibilità in materia di lavoro». Sembra una minaccia, detta così. A farla, il Presidente del Consiglio Mario Monti, al fine di sostenere il suo Ministro del Lavoro, in questa lunga “partita” che sembra non avere né esito né termine, tra tavoli tecnici, convocati e sconvocati, cifre fluttuanti e vertici dell’INPS che “sarebbero da rimuovere se fossero dipendenti di un’azienda privata”.

Il tutto si gioca letteralmente sulla pelle dei cosiddetti esodati, un neologismo che ricorda migrazioni bibliche e che riguarda i lavoratori ultracinquantenni espulsi dal mercato del lavoro e non ancora ammessi al trattamento pensionistico. Persone, se qualcuno a questa parola destinasse ancora una qualche forma di interesse, con mutui da pagare, figli minori a carico, cartelle esattoriali in arrivo, che sono state messe – a causa della riforma varata da questo Governo – nella condizione di non poter accedere al trattamento pensionistico.

Quanti sono? I vertici dell’INPS dicono oltre 400mila. «Numeri fuorvianti, che si prestano a strumentalizzazioni», sentenzia la Fornero, che viene però smentita da una ricerca condotta dalla Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro, secondo la quale gli esodati sui quali è necessario intervenire sarebbero almeno 370mila. I consulenti del lavoro – oltre a sottolineare  che nel 2011 sono stati oltre un milione e mezzo i lavoratori destinatari dei trattamenti di cassa integrazione e circa 188mila alla mobilità – sugli esodati affermano che «se è vero che 65mila lavoratori sono stati salvaguardati dal decreto, ne restano almeno altri 300mila che in virtù della normativa vigente si ritroveranno presto in una situazione analoga».

Cifre che rimbalzano da una parte all’altra, con i sindacati che dichiarano – nonostante i loro costosi Centri Studi – che loro non dispongono di dati. Per il Ministro Fornero, la dizione corretta di esodati ‒ ha detto durante il suo intervento in Parlamento ‒ è quella di «lavoratori che meritano di essere salvaguardati dagli effetti dal recente inasprimento dei requisiti per l’accesso alla pensione». A suo parere, sono circa 55mila i nuovi soggetti da tutelare, oltre i 65mila già individuati. Il Governo sapeva di un’altra platea di lavoratori interessati, ma «la non imminenza del problema che riguarda coloro che andranno in pensione dal 2014, e l’assenza di risorse finanziarie per un bilancio già messo a dura prova ‒ ha spiegato il Ministro ‒ ci hanno fatto ritenere si potesse affrontare il problema degli altri nei mesi successivi con criteri di equità e sostenibilità finanziaria».

Siamo quindi di fronte ad un Governo che ritiene di risolvere la situazione drammatica di 55mila cittadini, nei mesi successivi. Non importa che non percepiscano né introiti né tutele, ora e non importa che cosa avverrà. Devono attendere un anno e mezzo per la pensione, sempre che non vi sia un’altra riforma. Il Ministro, però, ha fatto una proposta rivoluzionaria: l’istituzione di un tavolo tecnico per trovare un’intesa tra Parlamento e parti sociali. Ha formulato varie ipotesi, annunciando anche il varo di una commissione che verifichi le forme di gradualità nell’accesso al pensionamento. Quale magnanimità. Ha anche auspicato l’approvazione urgente della sua riforma del lavoro. Quella che il Presidente di Confindustria ha definito una «boiata», comunque da approvare subito, anche per lui.

Di “boiata” in “boiata”, nel Paese si stanno consumando drammi sociali di gravi dimensioni, che non hanno precedenti, con i partiti che assecondano soluzioni confuse e contradditorie. Di questo passo, esodati diventeremo tutti, prima o poi. Tranne i tecnocrati e coloro che a questi hanno delegato il futuro, pensando un giorno di tornare a gestirlo.

Donazione Corrispondenza romana
  • L’Italia cambia, ma Mattarella non se ne accorge
    (di Roberto de Mattei) Domenica 27 maggio il prof. Giuseppe Conte, incaricato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella di formare un governo, si è presentato al Palazzo del Quirinale per presentare la lista dei suoi ministri, frutto di un intenso … Continua a leggere
  • Elezioni 2018: vincitori e vinti
    (di Lupo Glori) Boom della “Lega” e del “Movimento 5 Stelle” (M5s), contenuta crescita di “Fratelli di Italia”, forte calo di “Forza Italia” e storico tracollo del “Partito Democratico”. Il ciclone “Burian”, dopo essersi abbattuto sulle strade del nostro paese … Continua a leggere
  • Condannato Danilo Quinto, promossa Emma Bonino?
    (di Emmanuele Barbieri) Il 22 febbraio, se non ci saranno ulteriori rinvii, Danilo Quinto, sarà processato per diffamazione a mezzo stampa. Quinto, ex tesoriere del Partito Radicale, è autore di un libro dal titolo Da servo di Pannella a figlio … Continua a leggere
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere