POLITICA ESTERA: vittoria degli europeisti in Serbia

Nuove prospettive per la Serbia che guarda all’Europa, a otto anni dalla fine del regime di Slobodan Milosevic, stando al successo elettorale conquistato dal blocco liberale del Presidente della Repubblica, Boris Tadic, sugli ultranazionalisti del Partito Radicale (Srs) di Tomislav Nikolic che accusa Tadic di aver forzato la mano annunciando in anticipo la vittoria della propria parte politica.





Nuove prospettive per la Serbia che guarda all’Europa, a otto anni dalla fine del regime di Slobodan Milosevic, stando al successo elettorale conquistato dal blocco liberale del Presidente della Repubblica, Boris Tadic, sugli ultranazionalisti del Partito Radicale (Srs) di Tomislav Nikolic che accusa Tadic di aver forzato la mano annunciando in anticipo la vittoria della propria parte politica.

Tomislav Nikolic ha chiesto ai suoi alleati di formare un blocco anti-europeo, accusando il Presidente Tadic – che ha proclamato la vittoria del suo partito nelle elezioni politiche svoltesi l’11 maggio 2008 – di incitamento alla violenza.

Nikolic ha affermato di voler avviare dei colloqui per la formazione di un nuovo esecutivo con il blocco conservatore dell’attuale Premier Vojislav Kostunica e con il Partito Socialista erede di Slobodan Milosevic.
Tadic da parte sua ha proclamato la vittoria della Coalizione per una Serbia Europea affermando di non voler mai più permettere ai nazionalisti di prendere il potere, e di voler nominare un nuovo Primo Ministro.
La vittoria del blocco europeista alle odierne elezioni politiche serbe però non significa che il prossimo Governo di Belgrado riconoscerà l’indipendenza proclamata unilateralmente il 17 febbraio scorso dalla provincia a maggioranza albanese del Kosovo.

Lo ha ribadito il Presidente, Boris Tadic, confermando il suo impegno per l’integrazione della Serbia nell’Unioone Europea , ma anche per «la difesa dell’integrità territoriale» del Paese, oltre che per la lotta alla corruzione e alla criminalità e per lo sviluppo economico.

Donazione Corrispondenza romana