Planned Parenthood, sesto video-choc: le madri nulla sapevano…

AbortoNonostante le smentite ufficiali, diffuse tramite media e salotti della politica, Planned Parenthood ha proseguito regolarmente a sottrarre gli organi dei bambini abortiti, senza chiedere alcun consenso alle rispettive madri per queste «donazioni»: ad affermarlo, è stata Holly O’Donnell, ex-dipendente della StemExpress, la società biotech che già in precedenza avrebbe acquistato tessuti umani dalla multinazionale dell’aborto. La denuncia è contenuta nell’ultimo video – il sesto – dal titolo Capitale umano, diffuso dal Cmp-Center for Medical Progress.

Le madri, secondo quanto riferito dal tecnico, sarebbero state accolte in un ambiente estremamente freddo e sarebbero rimaste totalmente all’oscuro del traffico illecito di organi umani, costruito sui tessuti dei loro figli.

Afferma David Daleiden, responsabile del progetto di Cmp: «Occorre revocare immediatamente qualsiasi sussidio pubblico al barbarico business messo in piedi da Planned Parenthood. Le leggi vanno applicate anche nei suoi confronti e chi sia stato eletto deve agire con determinazione per chiarire la reale portata delle pratiche attuate e di cui si sia resa responsabile tale struttura».

Già oltre 57 mila persone hanno intanto sottoscritto la petizione, con cui si chiede al Congresso americano di indagare e chiudere definitivamente Planned Parenthood.

Donazione Corrispondenza romana