Un messaggio politico che vorrebbe diventare religioso (Risposta a Galli della Loggia ) - CR - Agenzia di informazione settimanaleCR – Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

Un messaggio politico che vorrebbe diventare religioso (Risposta a Galli della Loggia )

Ernesto Galli della Loggia (sul Corriere della Sera di venerdi 15settembre) propone una importante , ma piuttosto sofisticata ,spiegazione sulla fine del messaggio cristiano a prestarsi a divenire politico. In pratica sulla fine della influenza della Chiesa cattolica sulla politica . Galli della Loggia , storico e finissimo intellettuale, non propone certamente un simile messaggio fine a sé stesso.

Vediamo però se ho ben capito. A supporto delle sue affermazioni egli porta varie ragioni di carattere geopolitico sui grandi cambiamenti di potere che necessariamente hanno influenzato le esigenze sociali di morale religiosa e quindi il ruolo della religione cattolica (e della Chiesa) che non può pertanto pretendere più di esser più parte di una “religione civile” (da sempre avversata dal laicismo) , sacralizzando in qualche modo alcuni valori politici.

Tanto che l’attuale Pontefice (suppongo differentemente dal predecessore) avrebbe assunto come principale direttiva strategica, al fine di assicurare alla Chiesa cattolica “presenza sociale” , il comandamento della Misericordia , che nella prassi si deve intendere : Diritti Umani , rinunciando però così ad altri ruoli politici.Ma nell’ambito della cura dei diritti umani la Chiesa compete con Istituzioni internazionali ( dell’ONU soprattutto) e dovrebbe venir a patti con personaggi misteriosi che han valori “lievemente” differenti (tipo Soros).

Ho trovato difficile comprendere la conclusione dove spiega che per la Chiesa i Diritti Umani restano ancora oggi intesi “con radicalità che non ammette deroghe né compromessi “ (io non direi proprio…) e rischiano perciò di insistere nel ripresentare la Chiesa come proponente di una religione civile ( già rifiutata)il che confermerebbe che il cristianesimo resta “il cuore tuttora pulsante e problematico della nostra civiltà” . E’ proprio soprattutto l’espressione “problematico “ che mi ha fatto riflettere.

Per evidenti ragioni di spazio devo prescindere da molteplici considerazioni su chi ,e come, ha provocato tutto questo processo di laicizzazione( gnostico ) che Galli della Loggia lascia intuire . E’ curioso però che di questo processo si analizzino sempre le conseguenze ( la famosa “realtà” ) ,ma si ignorino le cause. Non commenterò neppure il ruolo delle famose Istituzioni (tipo ONU ) i cui segretari generali han persino dichiarato di perseguire un necessario sincretismo religioso per assicurare pace e benessere al mondo intero .

Vorrei fare solo una considerazione sugli effetti dell’ implicito invito alla Chiesa di esser meno radicale nella visione di cosa sono i diritti umani e pertanto meno problematica ( se capisco, facendo compromessi ). I diritti umani che si vorrebbe far sponsorizzare anche dalla Chiesa e che vengono appunto proposti da qualche decennio dagli organismi dell’ONU , sono conseguenza della nuova etica (gnostica), frutto delle scoperte scientifiche che influenzano le tendenze socioculturali .Tali diritti umani sono prodotti dalla scienza e sono imposti da organismo dell’ONU ( OMS) , ma per riuscirci devono anche ristrutturare il concetto di morale , di etica , magari anche sostituendo le autorità morali . Ciò risulta più evidente constatando che il Biodiritto (dell’Onu) ha ormai sostituito la Bioetica (della Chiesa cattolica) .

Una nuova autorità morale di una nuova santa sede sta imponendosi , è chiaro al lettore ? Ciò significa che la vecchia autorità morale della vecchia santa sede dovrebbe rinunciare ai valori non negoziabili per” riconciliarsi con il mondo” , ma dovrebbe anche rinunciare a intervenire nella società affermando principi morali. In più per esser tollerata dovrebbe conseguentemente adattare alla “nuova esigenza etica” la dottrina cattolica ( dogmi inclusi ), grazie alla legge (che io non conoscevo…) della “evoluzione teologica” . Ma ciò significherebbe accettare il processo di disumanizzazione, che sarà compensato dalla intelligenza artificiale che sancirà la vittoria della gnosi sulla Creazione….

…dimostrando di aver saputo rifarla .

Vorrei concludere però con due considerazioni . Io credo che si voglia ( definitivamente ) desacralizzare la religione cattolica e sacralizzare la religione gnostica .Ciò si tenterà forse di fare anche con la “mediazione “ della Chiesa attraverso l’equivoco misericordia-diritti umani. Forse questo tentativo potrebbe far riflettere sul perché Benedetto XVI è stato così osteggiato nel suo pontificato.

Come dice Galli della Loggia forse il messaggio cattolico non è più accettato per influenzare la politica , ma è anche certo che il messaggio politico non diventerà mai il messaggio cattolico .Non lo permetteremo. Qualcuno può anche pensarlo ,ma dimentica che la Chiesa è di Cristo . Oppure non lo ha affatto dimenticato, lo sa perfettamente , perciò la combatte…

 

Ettore Gotti Tedeschi

La Verità