Stampa la Notizia

Real Madrid: per soldi, via la croce dal logo e lo stadio cambia nome

Real Madrid(su Nocristianofobia.org) Inutile star tanto a questionare: pecunia non olet, rispose Vespasiano a Tito, secondo la tradizione. Per questo lo scudo del Real Madrid splenderà ad Abu Dhabi senza la consueta croce, unita alla corona nella parte superiore del logo sin da quando il Club è stato fondato ovvero 112 anni fa.

E tutto questo per non urtare la sensibilità islamica. Tanto rispetto umano, benché fuori luogo, non è gratis: lo si è capito chiaramente alla presentazione delle nuove carte di credito del Bnad, Banco Nazionale di Abu Dhabi. Sarà questo, d’ora in poi, a sponsorizzare la squadra iberica. Non a caso: si tratta del più grande istituto di credito degli Emirati Arabi Uniti. Così, tra raccattar fondi e ferire la sensibilità cattolica, il famoso Club calcisitico non ha avuto alcun dubbio: ha scelto i primi, infischiandosene della seconda.

A diffondere l’incredibile notizia, è stato il quotidiano sportivo on line Marca. Che ha precisato come l’accordo sia triennale. Il Presidente del Real Madrid, Florentino Perez, e l’amministratore delegato di Bnad, Alex Thursby, si son messi in posa dinanzi ad una targa gigante, ove si vede bene lo scudo modificato (nella foto). Anche perché l’accordo sottoscritto non riguarda soltanto la società calcistica, ma si estende allo storico stadio Santiago Bernabeu.

Nome, che dovremo dimenticare, perché presto lo cambierà in Ipic Bernabeu oppure in Cepsa Bernabeu in ossequio al fondo d’investimento firmato con l’islamico IPICPetroleum Investment Company. Incredibile! L’identità è stata svenduta al prezzo di 400 milioni di euro, erogati nel corso dei prossimi 15, 20 anni al massimo.

Tra l’altro, il Presidente del Real, Pérez, ha precisato come non si tratti soltanto di un’intesa, bensì di «un’alleanza strategica con una delle organizzazioni più prestigiose al mondo. Spero che tale collaborazione – ha aggiunto – possa divenire un’alleanza stabile». Non è la prima volta che il Real Madrid si consegna alla finanza islamica: era già capitato l’anno scorso, quando intascò 130 milioni di euro dalla compagnia aerea Fly Emirates. Ma è la prima volta che, per questo, la società sportiva si è dimostrata disposta anche a mettere tra parentesi la propria identità ed a tradire la propria storia, le proprie radici, i propri valori.