Mosher: Tritto ha ragione, e la Cina continua a mentire - Corrispondenza romana
Print Friendly, PDF & Email

Mosher: Tritto ha ragione, e la Cina continua a mentire

Print Friendly, PDF & Email

(Marco Tosatti, Stilum Curiae – 26 agosto 2020) Carissimi Stilumcuriali, come ricorderete siamo stati fra i primi a parlare del libro di Joseph Tratto, pubblicato da Cantagalli, sull’origine cinese e “chimerica” del Covid 19 di Wuhan. Ci sembra interessante riportare oggi quello che ne scrive su LSN Steven Mosher, un grande esperto americano di Cina, scienziato sociale e presidente del Population Research Institute. Nella nostra traduzione. Buona lettura…

Non sarà possibile per i dottor Fauci del mondo licenziare il professor Giuseppe Tritto come una bufala.

Non solo è un esperto di biotecnologie e nanotecnologie di fama internazionale che ha avuto una carriera accademica stellare, ma è anche il presidente della World Academy of Biomedical Sciences and Technologies (WABT), un’istituzione fondata sotto l’egida dell’UNESCO nel 1997.

In altre parole, è un uomo di notevole levatura nella comunità scientifica mondiale.  Altrettanto importante, uno degli obiettivi della WABT è quello di analizzare l’effetto delle biotecnologie – come l’ingegneria genetica – sull’umanità.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Nel suo nuovo libro, questo scienziato di livello mondiale fa esattamente questo.  E quello che dice è che il China Virus non è stato sicuramente uno scherzo della natura che ha attraversato la barriera delle specie dal pipistrello all’uomo.  È stato ingegnerizzato geneticamente nel laboratorio P4 (ad alto contenimento) dell’Istituto di Virologia di Wuhan, in un programma supervisionato dall’esercito cinese.

Il libro del Prof. Tritto, attualmente disponibile solo in italiano, si chiama Cina COVID 19: “La Chimera che ha cambiato il Mondo”.  È stato pubblicato il 4 agosto da un’importante editore italiano, Edizioni Cantagalli, che per coincidenza ha pubblicato anche l’edizione italiana di uno dei miei libri, “Controllo Demografico”, diversi anni fa.

Ciò che distingue il libro del Prof. Tritto è il fatto che dimostra – in modo conclusivo, a mio avviso – il percorso attraverso il quale un coronavirus  PLA è stato geneticamente modificato per diventare il China Virus che oggi sta devastando il mondo.  Il suo racconto non lascia dubbi sul fatto che si tratti di una “chimera”, un organismo creato in laboratorio.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Egli collega anche i punti che collegano il laboratorio di Wuhan alla Francia e agli Stati Uniti, mostrando come entrambi i paesi abbiano fornito un aiuto finanziario e scientifico ai cinesi che hanno iniziato a condurre esperimenti di bioingegneria sempre più pericolosi.  Anche se né i virologi americani né quelli francesi sono responsabili del risultato finale – un coronavirus altamente contagioso e una pandemia globale – il loro coinvolgimento precoce può spiegare perché così tanti insistono sul fatto che la “chimera” deve provenire dalla natura.  L’ultima cosa che vogliono ammettere è che potrebbero avervi contribuito.

Quelli di noi che, all’inizio, sostenevano l’origine di un laboratorio sono stati liquidati come teorici della cospirazione. I nostri articoli sono stati censurati come “notizie false”, spesso dai virologi americani che sapevano perfettamente quale fosse la verità, ma preferivano proteggere la Cina, e loro stessi, da un controllo per non essere implicati.

Le 272 pagine di nomi, date, luoghi e fatti del dottor Tritto non lasciano a questi apologeti alcun posto dove nascondersi.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

La storia inizia dopo l’epidemia di SARS del 2003, quando i cinesi tentarono di sviluppare vaccini per combattere la malattia mortale.  Il dottor Shi Zhengli, di cui ho scritto in precedenza, era responsabile del programma presso l’Istituto di virologia di Wuhan.

Nello sviluppo di vaccini, la genetica inversa viene utilizzata per creare ceppi virali che hanno ridotto la patogenicità ma ai quali il sistema immunitario risponde creando anticorpi contro il virus. Ma la genetica inversa può anche essere usata per creare ceppi virali che hanno aumentato la patogenicità.  Questo è ciò su cui la Dr. Shi, incoraggiata dagli esperti di armi biologiche del PLA, ha iniziato a concentrare sempre più la sua ricerca, secondo il Prof. Tritto.

La Dr. Shi ha chiesto aiuto al governo francese, che ha costruito il laboratorio P4, e all’istituto Pasteur del paese, che le ha mostrato come manipolare i genomi dell’HIV. Il metodo di inserimento dei geni utilizzato è chiamato “sistema di genetica inversa 2”.  Con questo metodo, ha inserito un segmento di HIV in un coronavirus scoperto nei pipistrelli a ferro di cavallo per renderlo più infettivo e letale.

Anche gli Stati Uniti sono stati coinvolti, in particolare il Prof. Ralph S. Baric, dell’Università del North Carolina, che ha ricevuto importanti sovvenzioni dal National Institute of Allergy and Infectious Disease.  Questo è, naturalmente, casa del dottor Anthony Fauci.  Fauci era un grande sostenitore della ricerca sul “guadagno di funzione”, e quando questo fu proibito nel laboratorio di Baric perché considerato troppo pericoloso, la ricerca fu spostata in Cina.

Il Prof. Tritto ritiene che, mentre la ricerca del Dr. Shi è iniziata come uno sforzo per sviluppare un vaccino contro la SARS, si è gradualmente trasformata in uno sforzo per usare la “genetica inversa” per costruire armi biologiche letali.  Questo è stato il motivo per cui il laboratorio di Wuhan è diventato negli ultimi anni il principale centro cinese per la ricerca virologica, attirando importanti finanziamenti e sostegno da parte del governo centrale.

Aggiungerei che la regola nella Cina controllata dal comunismo è “lasciate che i civili sostengano i militari”, il che significa che non appena le ricerche del dottor Shi avessero mostrato un potenziale uso militare, il PLA (People Liberation Army, le forze armate cinesi) avrebbe iniziato ad esercitare il controllo della ricerca.  Questo è venuto fuori all’aperto con l’epidemia, quando il maggiore esperto cinese di armi biologiche, il generale maggiore dell’Esercito di liberazione del Popolo Chen Wei, è stato immediatamente messo a capo dell’Istituto di virologia di Wuhan. Per quanto riguarda la dottoressa Shi Zheng-Li, sembra essere scomparsa.

Come ha spiegato il dottor Tritto in un’intervista ai media italiani:

Nel 2005, dopo l’epidemia di SARS, è nato l’Istituto di Virologia di Wuhan, diretto dal dottor Shi Zheng-Li, che raccoglie i coronavirus di alcune specie di pipistrelli e li ricombina con altre componenti virali per creare vaccini. Nel 2010 è entrata in contatto con ricercatori americani guidati dal Prof. Ralph Baric, che a sua volta si occupa di virus ricombinanti basati sui coronavirus. Grazie alla matrice virale fornita da Shi, Baric ha creato nel 2015 una chimera del virus Sars-virus del topo, che ha un effetto patogeno sulle cellule umane analizzate in vitro.

A quel punto, la collaborazione Cina-USA diventa concorrenza. Shi vuole lavorare su un virus più potente per realizzare un vaccino più potente: combina un virus pipistrello con un virus pangolino in vitro e nel 2017 pubblica i risultati di questa ricerca in alcuni articoli scientifici.

La sua ricerca attira l’interesse del settore militare e medico-biologico cinese che si occupa di armi biologiche usate come deterrente per scopi difensivi e offensivi. A Shi si affiancano così medici e biologi che appartengono alla sfera politico-militare, come Guo Deyin, studioso di vaccini contro l’AIDS e l’epatite antivirale ed esperto di tecniche di ricombinazione genetica. L’introduzione dei nuovi inserti ingegnerizzati nel genoma del virus è il risultato della collaborazione tra il team Shi e quello di Guo Deyin. La realizzazione di questa nuova chimera, da un punto di vista scientifico, è un successo. Tanto che, una volta scoppiata l’epidemia, i due ricercatori chiedono all’OMS di registrarla come nuovo virus, H-nCoV-19 (Human new Covid 19), e non come un altro virus derivato dalla SARS. È ragionevole pensare che Shi abbia agito solo dal punto di vista del prestigio scientifico, senza però tenere conto dei rischi in termini di sicurezza e degli interessi politico-militari che la sua ricerca avrebbe suscitato.

Quando gli è stato chiesto perché la Cina ha rifiutato di fornire il genoma completo del China Virus all’OMS o ad altri paesi, il Dr. Tritto ha spiegato che “fornire il virus matrix [fonte] avrebbe significato ammettere che la SARS-CoV-2 [China Virus] è stato creato in laboratorio. Infatti, il genoma incompleto messo a disposizione dalla Cina manca di alcuni inserti di aminoacidi dell’AIDS, il che di per sé è una pistola fumante”.

La questione chiave, per chi di noi sta vivendo la pandemia, riguarda lo sviluppo di un vaccino.  A questo proposito, il professor Tritto non è ottimista:

Date le numerose mutazioni della SARS-CoV-2, è estremamente improbabile che venga trovato un solo vaccino che blocchi il virus. Al momento sono stati identificati 11 ceppi diversi: la linea genetica A2a che si è sviluppata in Europa e la linea genetica B1 che si è radicata in Nord America sono più contagiose del ceppo 0 originario di Wuhan. Credo quindi che, al massimo, si possa trovare un vaccino multivalente efficace su 4-5 ceppi e quindi in grado di coprire il 70-75% della popolazione mondiale.

In altre parole, negando al mondo il codice genetico originale del China Virus che ha creato, il Partito Comunista Cinese si assicura che nessun vaccino completamente efficace sarà mai sviluppato dall’Occidente.

In altre parole, la Cina continua a mentire e la gente continua a morire.