Stampa la Notizia

La Sinistra argentina vuole un sussidio per trans e travestiti

RachidIl Frente para la Victoria è un partito argentino di sinistra, membro dell’Internazionale Socialista. E, come tutti i partiti di sinistra, pare essersi votato a cavalcare tutte le battaglie radicaleggianti immaginabili.

Ormai anche a danno dei poveri, quelli veri. Pur di portare avanti l’ideologia del pensiero unico dominante. Per questo, una deputata della Camera di Buenos Aires, Maria Rachid (nella foto, la prima a destra), militante in tale formazione politica, ha presentato una proposta di legge irricevibile, quella per il riconoscimento di un sussidio pubblico a transessuali e travestiti. Incredibile!

E’ la prima volta che si invocano privilegi per un comportamento sessuale, oltre tutto gravemente disordinato e contro natura. Il che sarebbe, a suo avviso, motivato dal «dovere storico di riparare a tanti anni di sofferenza».

Prevedibilmente immediate e vaste le polemiche provocate dall’assurda richiesta. Un’altra onorevole, questa volta del Frente Renovador, Mirta Tundis, in un’intervista a Cadena 3 ha evidenziato come simili iniziative dividano la gente, una sorta di guerra tra tapini: «E’ una proposta indegna verso i pensionati, che da anni chiedono un bonus per sopravvivere. Gli aumenti strappati, quest’anno, sono stati subito svalutati ed il loro potere d’acquisto è diminuito notevolmente».

E che, per una questione di giustizia sociale, i pensionati debbano venir prima lo ha confermato ai media – “bontà” sua – anche il travestito Vanesa Show. Ma lo stesso si potrebbe dire anche di molte altre categorie come quelle dei disoccupati, degli invalidi sul lavoro, delle famiglie numerose, che con più motivi – e buoni diritti – potrebbero reclamare un aiuto economico dallo Stato.

Tra i pareri favorevoli, quello di un funzionario kichnerista, attivista militante gay, Alex Freyre, che ha anzi accusato di «nazismo» chiunque abbia criticato la proposta Rachid. Compresi quindi i molti esponenti politici – e di vari partiti! -, i quali hanno già espresso la propria contrarietà. O

ggi la richiesta di un sussidio per transessuali e travestiti pare unanimemente assurda. Ma domani? Tornano alla mente, qui, le parole scritte dal Prof. Plinio Corrêa de Oliveira in Rivoluzione e Contro-Rivoluzione: «Si direbbe che i movimenti più veloci [della marcia della Rivoluzione] siano inutili. Ma non è vero. L’esplosione di questi estremismi alza una bandiera, crea un punto di attrazione fisso, che affascina per il suo stesso radicalismo i moderati e verso cui questi cominciano lentamente a incamminarsi. Il fallimento degli estremisti è soltanto apparente. Essi danno il loro contributo indirettamente, ma potentemente, alla Rivoluzione, attirando lentamente verso la realizzazione dei loro colpevoli ed esasperati vaneggiamenti la moltitudine innumerevole dei “prudenti”, dei “moderati” e dei mediocri».

Un po’ quello che han fatto i Radicali in Italia col divorzio prima, con l’aborto poi, quindi con la fecondazione assistita, con l’eutanasia e via distruggendo. Se ciò è vero – come è vero -, appare chiaro come “esternazioni” quale quella in questione siano tutt’altro che da sottovalutarsi.

La stessa Rachid, ora, pare aver iniziato a far timidamente marcia indietro. Prendendo le distanze dal suo testo: che dubita possa davvero giungere mai in aula. E che ora precisa esser stato scritto su pressione ed iniziativa della Federazione Lgbt Argentina. Nel frattempo, è stata in ogni caso lanciata una raccolta-firme on line per bloccare l’incredibile iniziativa sul nascere, rivolgendosi alla Commissione per i Diritti dell’Uomo. Ammesso di trovarvi un aiuto e non un ostacolo…