La foto di gruppo delle “first lady”, il cavallo di Caligola e Destenay - CR - Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

La foto di gruppo delle “first lady”, il cavallo di Caligola e Destenay

Sta facendo il giro del mondo la foto di gruppo delle «first lady» al Vertice Nato di Bruxelles dove assieme a 9 donne spicca un uomo in giacca e cravatta, apparentemente un “intruso”, circondato dalle compagne e mogli di presidenti e premier internazionali. 

Chi è il guascone in posa tra Brigitte Trogneux, moglie di Emmanuel Macron, Melania Trump, Emine Gülbaran, moglie del presidente turco Erdogan, la regina Mathilde del Belgio, Ingrid Schulerus, compagna del segretario generale della Nato Stoltenberg,  Desislava Radeva, compagna del presidente bulgaro, Amelie Derbaudrenghien, compagna del premier belga, Mojca stropnik, partner del primo ministro sloveno e Thora Margret, first lady d’Islanda ?

QUADRETTO SOCIO-CULTURALE

La risposta è sconfortante e rappresenta, ancora una volta, emblematicamente il concreto e surreale mutamento socio-culturale in atto nella nostra società.

Il decimo componente, “beato tra le donne”, ha infatti, secondo il diktat etico globale, tutti i “titoli” per mettersi in posa assieme alle altre première dame poiché è Gauthier Destenay, marito di Xavier Bettel, premier del Lussemburgo e in quanto tale “first lady” alla pari di tutte le altre.

Il protocollo “politicamente corretto” prevede dunque di includere anche lui nelle foto di gruppo delle “first lady” nonostante l’evidente macroscopico controsenso derivante dall’appartenenza all’altro sesso. C’è da scommetterci che d’ora in avanti vedremo lentamente sparire dal linguaggio giornalistico il termine “first lady” in nome di un più inclusivo e rispettoso “first partner” .

IL CAVALLO DI CALIGOLA & DESTENAY

Tale patetica vicenda ricorda l’episodio di Caligola che fece senatore il proprio cavallo rispettando alla lettera tutte le disposizioni giuridiche necessarie alla sua, formalmente valida, elezione.

Una visione capovolta per la quale è il diritto positivo, inteso come legge posta dall’uomo, a costruire a proprio piacimento la realtà e, non viceversa, quest’ultima a ispirare e determinare le norme stabilite dal legislatore.

Così come il cavallo di Caligola, seppur fosse stato il miglior ronzino in circolazione non poteva in alcun modo ambire allo status di senatore in quanto, non essendo un essere umano, era privo ontologicamente dei requisiti necessari, allo stesso modo, Gauthier Destenay immortalato in posa tra le donne come “first lady” è, nella realtà, sprovvisto per natura delle prerogative essenziali per essere considerato una “prima donna”.

In questo senso la foto del Vertice Nato di Bruxelles è un pugno in un occhio alle realtà e al buon senso. (Rodolfo de Mattei su osservatoriogender.it)