E' lecito per un cattolico mettere in discussione il Concilio Vaticano II? - Corrispondenza romana
Print Friendly, PDF & Email

E’ lecito per un cattolico mettere in discussione il Concilio Vaticano II?

Print Friendly, PDF & Email

(di Marco Tosatti) Carissimi Stilumcuriali, Giuseppe Pellegrino, che conoscete oltre che per il suo lavoro di traduttore per Stilum Curiae anche per il suo ricordo della rinuncia di Benedetto XVI, ci ha inviato una riflessione di contributo alla discussione aperta in questi giorni sulla liceità o meno di discutere il Concilio Vaticano II. Buona lettura. (Traduzione nostra). 

È lecito per un cattolico mettere in discussione il Vaticano II?

Obiezione 1. Sembrerebbe che non sia lecito per un cattolico mettere in discussione l’insegnamento del Vaticano II. Perché ogni cattolico deve accettare la validità dei Concili ecumenici, e il Vaticano II è stato il 21° Concilio ecumenico. Pertanto, il Concilio non può essere messo in discussione.

Obiezione 2. I documenti conciliari fanno abbondantemente riferimento all’insegnamento dei precedenti Concili ecumenici, nonché ai documenti papali e agli scritti dei Padri e dei Dottori della Chiesa. Quindi, mettere in discussione l’insegnamento del Concilio è effettivamente mettere in discussione la Tradizione stessa. Ma questo non è lecito per un cattolico. Pertanto, il Concilio non può essere messo in discussione.

Obiezione 3. Inoltre, il Magistero postconciliare ha chiarito i punti di contrasto nell’interpretazione del Concilio. Così, leggendo i documenti del Vaticano II nel contesto di questi successivi chiarimenti, un cattolico può conoscere la sana dottrina della Tradizione della Chiesa. Pertanto l’insegnamento del Concilio correttamente interpretato – “il vero Concilio” – non può essere messo in discussione.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Obiezione 4. Inoltre, qualsiasi confusione dottrinale o caos possa essere scaturito dopo il Concilio è qualcosa di distinto dal Concilio in quanto tale e di per sé. Il rimedio a tale confusione e caos è di interpretare correttamente il Concilio in continuità con la Tradizione. Ma questo significa che l’insegnamento del Concilio è valido. Perciò, ancora una volta, l’insegnamento del Concilio correttamente interpretato – “il vero Concilio” – non può essere messo in discussione.

Sed contra. Dice il professor Roberto De Mattei: “Proponiamo di distinguere con attenzione la dimensione teologica che emerge dai documenti e quella più propriamente “fattuale” che si riferisce agli eventi storici” (Il Concilio Vaticano II: Una storia non scritta, Loreto Publications, 2012, p. xviii). È questa dimensione fattuale che farà luce sull’attuale “stato di eccezione” all’interno della Chiesa e permetterà di prescrivere un adeguato rimedio all’attuale crisi ecclesiale senza precedenti. Pertanto, la dimensione fattuale delle vere intenzioni di coloro che hanno convocato e guidato il Concilio non solo può ma deve essere messa in discussione da tutti i veri figli della Chiesa.

Respondeo.  Occorre distinguere chiaramente tra la disciplina della teologia e la disciplina della storia. È chiaro che il Vaticano II soddisfa tutti i requisiti teologici per un Concilio ecumenico valido, e i Padri conciliari hanno fatto ogni sforzo apparente per dimostrare che il loro insegnamento era in continuità con i precedenti Concili ecumenici e con la Tradizione dei Padri e dei Dottori della Chiesa. Ma se, di fatto, fin dal suo inizio il Concilio è stato chiamato e convocato con il solo scopo di ingannare la Chiesa e di introdurre l’errore e un ambiguo insegnamento nel cuore della Chiesa, allora la il problema sul tappeto è una questione di fatto storico che deve essere esaminata con grande attenzione in modo da dare un solido giudizio sull’essenza del Concilio.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Come scrive l’arcivescovo Carlo Maria Viganò: “È sorprendente che si continui a non voler indagare sulle cause alla radice della crisi attuale, limitandosi a deplorare gli eccessi attuali come se non fossero la logica e inevitabile conseguenza di un piano orchestrato decenni fa”. È questo piano, questo colpo di Stato che si è realizzato al Concilio Vaticano II, che deve essere esaminato a fondo, in modo da comprendere appieno il contesto storico del modo in cui la maggioranza dei buoni vescovi è stata ingannata e manipolata per far approvare i testi sovversivi del Concilio.

Risposta all’obiezione 1. Il Concilio è stato validamente realizzato secondo il diritto canonico, ma ciò non fa che rendere ancora più efficace il suo potere distruttivo. La sua validità faceva parte del “piano”. “Fin dalla sua origine fu fatto oggetto di una grave manipolazione da parte di una quinta colonna che penetrava nel cuore stesso della Chiesa che ne rendeva perversi i fini, come confermano i disastrosi risultati che sono sotto gli occhi di tutti” (Abp. Viganò). Ogni aspetto della sua origine, preparazione, esecuzione e realizzazione merita di essere messo in discussione.

Risposta all’obiezione n. 2. Se si può conoscere il fatto storico di un’intenzione e di un “piano” così malvagio da parte di coloro che hanno scritto i Documenti conciliari, allora lo sforzo diligente compiuto da questi stessi malintenzionati per citare la Tradizione, i precedenti concili ecumenici, i documenti papali, i Padri e i Dottori della Chiesa per mascherare la loro rivoluzione servono solo a magnificare la portata della loro frode e del loro inganno.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Risposta all’obiezione n. 3. A partire dallo stesso Paolo VI, il Magistero postconciliare si è impegnato a fondo per affrontare la “crisi postconciliare” all’interno della Chiesa. Il costante impegno per la corretta interpretazione e attuazione del Concilio è stato, possiamo dire, una diagnosi errata del problema. Anche se i papi postconciliare sembravano convinti che il rimedio alla crisi potesse essere trovato nella corretta interpretazione del Concilio, apparentemente non capivano che il Concilio non era la soluzione alla crisi, ma piuttosto la sua causa.

Risposta all’obiezione 4. Non possiamo più fingere che ciò che è accaduto dopo il Concilio, fino al punto di adorare gli idoli nella Basilica di San Pietro in nome del “Vaticano II”, sia estraneo allo svolgimento storico dell’”evento conciliare” – “il vero Concilio” in sé e per sé. Come dice De Mattei: “Qualcosa è accaduto dopo il Concilio come conseguenza coerente con esso…. la ricostruzione di quanto è accaduto tra il 25 gennaio 1959 e l’8 dicembre 1965 è una premessa necessaria per una seria riflessione sul Vaticano II” (Ibidem, p. xix).

Di Giuseppe Pellegrino, H.E.D.