Titolo pontificio ad un'abortista pro-Lgbt? Scambio di doni - CR - Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

Titolo pontificio ad un’abortista pro-Lgbt? Scambio di doni

Ancora una volta trova conferma il popolare detto veneto “Xe peso el tacon del buso”, è peggio la toppa del buco. Con un proprio comunicato ufficiale la Santa Sede, dopo giorni di imbarazzante silenzio, ha cercato di giustificare l’ingiustificabile ovvero come e perché abbia deciso di assegnare l’onorificenza di cavaliere del Pontificio Ordine di San Gregorio Magno a Lilianne Ploumen, ex-ministro olandese del Commercio estero, dello Sviluppo e della Cooperazione, nota per il suo sostegno dato all’aborto ed all’agenda Lgbt.Secondo tale comunicato si tratterebbe di un normale scambio di onorificenze tra delegazioni in occasione delle visite ufficiali di Capi di Stato o di governo in Vaticano. E Ploumen era giunta in visita al Papa assieme ai Sovrani d’Olanda. Un titolo, insomma, che non terrebbe conto delle sue idee abortiste ed omosessiste. Ed è appunto questo il fatto grave: che non ne abbia tenuto conto. Pare peraltro che in quella circostanza il card. Ejik, olandese, non sapesse della concessione del cavalierato all’ex-ministro e che non abbia peraltro partecipato alla consegna.