Settima adesione alla "Professione", quella del Vescovo Laun - CR - Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

Settima adesione alla “Professione”, quella del Vescovo Laun

Settima adesione alla Professione delle verità immutabili riguardo al matrimonio sacramentale, stilata dagli Arcivescovi Tomash Peta e Jan Pawel Lenga assieme al Vescovo ausiliare mons. Athanasius Schneider, ma già sottoscritta anche dal card. Janis Pujats, dall’arcivescovo mons. Luigi Negri e dall’ex-nunzio apostolico negli Stati Uniti, mons. Carlo Maria Viganò: alle loro firme, ora si aggiunge anche quella del Vescovo ausiliare emerito di Salisburgo, mons. Andreas Laun.

Già professore di Teologia morale presso l’Istituto filosofico-teologico di Heiligenkreuz presso Vienna, mons. Laun è stato molto vicino ai pontificati di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI ed è stato soprannominato «il Leone di Salisburgo» proprio per l’indomita sua difesa della Dottrina cattolica in fatto di matrimonio e sessualità.

Secondo quanto riferito dall’agenzia Kath.net, il suo Referat für Ehe und Familie, centro di riferimento per il matrimonio e per la famiglia, allestito a Salisburgo, è sempre stato considerato un fiore all’occhiello ed un autentico modello di applicazione piena e concreta della Dottrina cattolica in questi delicatissimi ambiti.