I Life Runners attraversano gli Stati Uniti in un evento pro life presente in tutto il mondo - Corrispondenza romana
Stampa la Notizia

I Life Runners attraversano gli Stati Uniti in un evento pro life presente in tutto il mondo

Quattro squadre di Life Runners negli Stati Uniti ed in altre parti del mondo stanno partecipando all’annuale A-Cross America Relay, con cui cercano di porre fine alla pratica dell’aborto indossando magliette che proclamano il messaggio scritturale “Remember The Unborn” (Geremia 1,5), che recita: Prima di formarti nel grembo materno, ti conoscevo, prima che tu uscissi alla luce, ti avevo consacrato”

I partecipanti dall’Est degli USA hanno iniziato la corsa al Brooklyn Bridge di New York City; il gruppo occidentale ha cominciato al Golden Gate Bridge di San Francisco; quello del Nord a Grand Forks, North Dakota; ed infine il Sud a San Antonio, Texas. I quattro gruppi convergeranno a Kansas City,

Il Dr. Patrick Castle è il fondatore e presidente di LIFE Runners. Ha detto a LifeSiteNews in un’intervista che i partecipanti sono ora a meno di una settimana dal termine della settima edizione dell’annuale A-Cross America Relay.

Questo è il più grande evento pro life al mondo con 5.359 miglia completate dal 4 luglio all’11 agosto….Tutti indossano le magliette Remember the Unborn per salvare vite umane”.

Secondo il suo sito web, LIFE Runners ha più di 120 gruppi che partecipano alla corsa in decine di paesi tra cui Canada, Regno Unito, Germania, Ghana, Irlanda, Polonia e Spagna. I sostenitori di LIFE Runners in tutto il mondo, possono correre un percorso di 5 km “a distanza” nei loro paesi indossando la maglietta di LIFE Runners in qualsiasi momento durante i 40 giorni dell’evento.

Il 35% dei partecipanti è di 22 anni ed anche più giovane, mentre il 25% di 18 anni. Questo è certamente un segnale di grande speranza per la battaglia pro life che utilizza soprattutto queste iniziative per coinvolgere i più giovani. (Chiara Chiessi)