Ragazza sana chiede a 23 anni l'eutanasia - Corrispondenza romana
Stampa la Notizia

Ragazza sana chiede a 23 anni l’eutanasia

Una ragazza belga di 23 anni di nome Kelly, ha dichiarato al Daily Mail che vuole porre fine alla sua vita con l’eutanasia, a causa di alcuni problemi mentali da cui è affetta. La ragazza infatti, «ha tentato il suicidio, è stata ricoverata in ospedale, ha sofferto di disturbi alimentari ed ha iniziato a praticare l’ autolesionismo».

Lei stessa ha affermato: «Era più sopportabile il dolore da autolesionismo che il dolore alla testa. Almeno il dolore da autolesionismo scompare, a differenza del dolore all’interno che è sempre presente».

Sempre secondo il Daily Mail: «I pazienti con problemi mentali rappresentano circa il tre per cento delle 17.000 persone uccise da quando la legge è stata modificata in questo paese di 11 milioni di cittadini. Ci sono stati 2.357 decessi l’anno scorso – dieci volte in più rispetto al primo anno in cui l’eutanasia era legale in Belgio…».

Kelly apprese che era possibile richiedere l’eutanasia da uno psicologo dell’ospedale dove si trovava in cura. Nonostante i suoi piani già definiti, non ha mai raccontato ai genitori con cui vive, alla sorella gemella o ai fratelli più piccoli, di voler porre fine alla sua vita, fino a quando non ha trovato psichiatri che le hanno confermato che il suo dolore mentale è “insopportabile e incurabile”.

Quando finalmente lo disse alla sua famiglia, racconta: «Mio padre era molto scioccato, piangeva e l’ho stretto a me. Stavo quasi piangendo anch’io. Era molto commovente ma anche doloroso vederlo così».

Come hanno sottolineato molti psichiatri, le condizioni delle persone che soffrono di problemi di salute mentale può migliorare nel tempo con le cure. Offrire la morte come “soluzione” alla sofferenza, non allevia l’angoscia mentale del malato, ma semplicemente pone fine alla sua vita.

Non c’è da stupirsi sull’impennata di persone che richiedono la “dolce morte”: una volta che un Paese (come il Belgio, in cui per di più non si fa distinzione tra dolore mentale e fisico) accetta l’idea che alcune vite non sono degne di essere vissute, ecco che la morte si manifesta come volontà delle persone più fragili, che soffrono molto e lo Stato preferisce “toglierle di mezzo” piuttosto che curarle. Un caso simile era capitato a Noa Pothoven, di cui avevamo parlato in un articolo precedente. Non a caso, Noa Pothoven aveva denunciato il fatto che nel suo Paese non esistevano cliniche specializzate nel curare disturbi mentali nell’età adolescenziale.

A queste povere vittime, la morte dunque appare come unica soluzione. (Chiara Chiessi)