L’ex-primate anglicano Williams contro le scuole cattoliche - CR - Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

L’ex-primate anglicano Williams contro le scuole cattoliche

Decisamente scorretto l’intervento a gamba tesa dell’ex-primate anglicano ed ex-arcivescovo di Canterbury, Rowan Williams sul Daily Telegraph, pubblicamente schieratosi assieme all’ateo Richard Dawking contro le scuole cattoliche, infischiandosene di ecumenismo e dintorni.

Ciò che entrambi non digeriscono è il fatto che possa essere eliminata la norma, che impedisce alle nuove scuole confessionali, per lo più cattoliche, di accogliere alunni per oltre la metà della propria stessa confessione religiosa. Ciò sarebbe considerato incredibilmente come «divisivo e pregiudizievole per la coesione sociale».

In realtà, è questa norma a violare la legge canonica, in quanto ha finora proibito di inaugurare nuovi istituti: una volta occupato il 50% la metà dei posti disponibili, si dovrebbero respingere tutte le matricole cattoliche, a causa della loro fede. Un limite «ingiusto e inadeguato» dal Partito Conservatore, impegnatosi pertanto ad eliminarlo.

Dawking e Williams hanno peraltro assieme strani compagni di strada: si sono uniti all’appello, infatti, Andrew Copson, direttore esecutivo di Humanists UK, Rabia Mirza, direttrice de Musulmani britannici per una democrazia laica e la deputata conservatrice Sarah Wollaston, contro il suo stesso partito.

Viceversa, se tale barriera venisse eliminata, la diocesi di East Anglia si è già detta pronta ad aprire otto nuove scuole cattoliche. Nel novembre scorso i Vescovi cattolici di Inghilterra e del Galles hanno richiamato il governo a mantenere la promessa a suo tempo fatta dal premier, Theresa May, dettasi disponibile ad abolire tale assurdo divieto: «Forzare le scuole cattoliche ad allontanare i bambini sulla base della loro fede – hanno dichiarato i prelati – mette in pericolo il diritto dei genitori cattolici a garantire ai propri figli un’educazione» in linea con i loro principi.

A gennaio è stato nominato segretario al ministero dell’Educazione Damian Hinds e questo aumenta le speranze che l’esecutivo dia seguito ai propri intenti: Hinds ha studiato in una scuola di grammatica cattolica ed in passato chiese che il limite della discordia fosse levato.