Dopo le polemiche, il medico: "Trump non ha deficit cognitivi" - CR - Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

Dopo le polemiche, il medico: “Trump non ha deficit cognitivi”

Visto che nessuno lo scrive, lo scriviamo noi… Non perché vi fosse da dubitarne, ma per smascherare la stampa faziosa, ideologica, strumentale e di regime. Il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, non è affetto da alcun deficit cognitivo ed è perfettamente “in grado di svolgere i suoi compiti fino alla fine della Presidenza ed anche in caso di un secondo mandato, se rieletto”: lo ha certificato il medico della Casa Bianca, dopo averlo sottoposto venerdì scorso ad uno scrupoloso check-up presso l’ospedale militare di Walter Reed, alla periferia di Washington, check-up brillantemente superato dall’illustre paziente, cui è stato raccomandato solo un po’ più di esercizio fisico per ridurre il sovrappeso.Quanto al resto, gode di un’”ottima salute”. “Non v’è assolutamente alcun segno” di disturbi mentali, ha assicurato il dottor Ronny Jackson nel corso di un incontro con la stampa, durante il quale ha risposto in modo dettagliato alle domande dei giornalisti. Il medico, è giusto evidenziarlo, è lo stesso che ha seguito anche Barack Obama, ad evidenziare l’imparzialità delle sue risposte, afferenti esclusivamente alla sfera clinica e non a valutazioni politiche di sorta.

Il dott. Jackson ha inoltre messo in guardia dalla “tabloid psichiatria” ovvero dalla foga con cui si è diffusa viralmente sui media l’accusa rivolta al Presidente di manifestare segni di squilibrio. Purtroppo non è stato dato eguale rilievo alla notizia, scientifica questa volta, della sua perfetta integrità mentale, ad evidenziare, caso mai ve ne fosse bisogno, una volta di più quanto strumentale e ideologico sia l’attacco sferrato contro l’attuale inquilino della Casa Bianca, da prima che vi si insediasse.