L'Aquila: 'novità' strutturali in Basilica, fedeli in rivolta - Corrispondenza romana
Print Friendly, PDF & Email

L’Aquila: ‘novità’ strutturali in Basilica, fedeli in rivolta

Print Friendly, PDF & Email

Non si può modificare una chiesa a proprio piacimento. Specie quando sia una Basilica. Specie quando l’edificio sacro sia vincolato e posto sotto la tutela del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio. Ciò che di per sé dovrebbe essere evidente, benché pare che qualcuno, a volte, tenda a dimenticarsene.

Così vasto e vibrato sconcerto han suscitato a L’Aquila le recenti “novità” introdotte all’interno della Basilica di San Bernardino (nella foto, un particolare), monumento nazionale di proprietà del Fondo Edifici di Culto: molti fedeli han fatto notare come gli interventi qui effettuati ne compromettano gravemente la coerente linearità architettonica e decorativa, tipicamente barocca. Un avvocato ha inviato addirittura in merito una segnalazione scritta alla Procura della Repubblica.

Cosa fa problema? Ad esempio, il nuovo, ingombrante altare e l’ambone, entrambi in pietra bianca, il primo posto proprio al centro del presbiterio, il secondo sistemato ad incastro sulla scalinata del medesimo. Questi sono di tale impatto visivo ed estetico, da alterarne e peggiorarne la prospettiva. Di per sé, per interventi del genere, serve l’autorizzazione della Sovrintendenza; la quale a sua volta non può però concedere gli scempi…

Dimensioni e peso di queste aggiunte, benché posticce, le rendono pressoché inamovibili, quindi definitive, così da modificare sostanzialmente e permanentemente l’assetto del bene sottoposto a vincolo di tutela. Non solo: sono stati letteralmente smontati ed asportati anche i cancelli lignei settecenteschi, posti in corrispondenza alle aperture della balaustrata, che ne è risultata così spogliata ed impoverita.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.

Totale Donazione: €100.00

Si tratta di provvedimenti oltre tutto inutili, poiché da anni v’era già l’arredo sacro necessario per celebrare secondo le esigenze post-conciliari, arredo non invasivo e molto più discreto. Non era necessario rimpiazzarlo con questo, ingombrante e decisamente “impegnativo”. E’ del tutto infondato, pertanto, parlare di un “adeguamento liturgico”, argomentazione in ogni caso irrilevante anche per la tutela dei beni culturali, cui interessa solo che non venga in alcun modo alterato l’edificio posto sotto vincolo. Anche nella Chiesa lo scorso 5 luglio il card. Robert Sarah, Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, nel corso della conferenza sulla «Sacra Liturgia» da lui tenuta a Londra, ha autorevolmente invitato a cambiar registro: ha precisato esser «di primaria importanza ritornare al più presto possibile ad un orientamento comune dei preti e dei fedeli, rivolti insieme nella stessa direzione – verso Est o per lo meno verso l’abside – verso il Signore che viene, in tutte le parti del rito in cui ci si rivolge al Signore. Questa pratica è permessa dalle regole liturgiche attuali. Essa è perfettamente legittima nel nuovo rito. In effetti, penso che una tappa cruciale è di fare in modo che il Signore sia al centro delle celebrazioni». Parole chiarissime. Ancor più, dunque, tanto zelo nel far a L’Aquila l’esatto contrario appare del tutto ingiustificato.

Tutto questo, a detta di molti, rende urgente un ripensamento e la conseguente rimozione delle modifiche introdotte, ripristinando la situazione preesistente. Al più presto possibile.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro crittografato SSL.

Totale Donazione: €100.00