Irlanda: i fedeli protestano, i Vescovi levano le foto Lgbt - CR - Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

Irlanda: i fedeli protestano, i Vescovi levano le foto Lgbt

Questa è la dimostrazione di come e quanto dire la propria, anche protestare serva:  grazie alla convinta mobilitazione dei cattolici fedeli al Magistero, infatti, i Vescovi irlandesi hanno deciso di rimuovere le sei immagini relative a coppie omosessuali dall’opuscolo pubblicato in vista del prossimo Incontro Mondiale delle Famiglie, che si terrà a Dublino (nella foto, una delle foto contestate, opportunamente censurata).

Non solo, è stato eliminato anche il seguente paragrafo: «Sebbene la Chiesa difenda l’ideale del matrimonio come un impegno permanente fra un uomo e una donna, vi sono anche altre unioni, che offrono un sostegno reciproco ai membri della coppia. Papa Francesco ci incoraggia a non escludere e ad accompagnare anche queste coppie con amore e cura».

La decisione ha provocato la prevedibile, piccata reazione delle lobby Lgbt, nonché dei settori modernisti della Chiesa irlandese e statunitense, secondo i quali i Vescovi si sarebbero lasciati influenzare dai cattolici legati alla Tradizione, senza tener conto – a loro detta – del nuovo spirito di “apertura” inaugurato dal regnante Pontefice. Il timore, in realtà, era un altro e cioè che questo nuovo clima “arcobaleno” all’interno dell’episcopato potesse determinare significative defezioni, numericamente evidenti, all’evento.

Le lobby Lgbt puntano il dito contro il card. Kevin Farrell, Prefetto della Congregazione per i Laici, a loro dire responsabile della modifica provvidenzialmente apportata.