Il neo-premier spagnolo non giura su Bibbia e crocifisso - CR - Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

Il neo-premier spagnolo non giura su Bibbia e crocifisso

Era prevedibile, purtroppo è accaduto: non nasce sotto i migliori auspici il nuovo governo spagnolo. Il premier Pedro Sánchez ha, infatti, giurato davanti al re Filippo VI e sopra la Costituzione, ma per la prima volta nella storia del Paese senza Bibbia né Crocifisso. Un infausto “primato”.

Sánchez, leader dei socialisti iberici, si è sempre definito un ateo militante, deciso cioè a secolarizzare la società, facendo “saltare” gli accordi con la Santa Sede del 1979 e abrogando le norme consolidate, riducendo la Chiesa all’autofinanziamento, senza aiuti da parte dello Stato. Si è sempre battuto per l’eliminazione dell’ora di religione dal programma scolastico e per la «neutralità» delle istituzioni riguardo ai simboli religiosi. Compresa la croce sulla corona spagnola?