I cospiratori panamazzonici - Corrispondenza romana
Stampa la Notizia

I cospiratori panamazzonici

Confermiamo la notizia che il sempre informato Marco Tosatti ha appena diffuso. Una riunione segreta ha riunito un gruppo di vescovi e teologi, per lo più di lingua tedesca, in una casa religiosa nei pressi di Roma per stabilire una strategia comune in occasione del prossimo sinodo sull’Amazzonia che si aprirà il 6 ottobre in Vaticano. 

I “cospiratori panamazzonici”, a quanto ci risulta, sono: il cardinale Lorenzo Baldisseri, segretario generale del sinodo dei vescovi; il cardinale Christoph Schönborn, 
arcivescovo di Vienna e presidente della Conferenza episcopale austriaca; il cardinale Cláudio Hummes, brasiliano, uno dei sostenitori della possibilità di rivedere il celibato sacerdotale, presidente della rete ecclesiale panamazzonica che riunisce 25 cardinali e vescovi dei paesi di quell’area; il cardinale Walter Kasper, secondo il quale, nel caso lo richiederanno i presuli partecipanti al Sinodo, il Papa sarebbe disposto ad accettare la possibilità di ordinazione sacerdotale  di uomini sposati; il vescovo Franz-Josef Overbeck, ordinario della diocesi di Essen, in Germania e responsabile dell’organizzazione di soccorso cattolico dell’America Latina Adveniat, secondo cui il Sinodo di ottobre a Roma sull’Amazzonia porterà ad una “rottura” nella Chiesa e “nulla sarà lo stesso come è stato”; mons. Erwin Krautler, vescovo emerito di Xingu, Brasile, membro del consiglio preparatorio del sinodo dell’Amazzonia, uno dei principali consulenti di Francesco per l’enciclica Laudato sìil teologo Josef Sayer, ex presidente di Misereor; il canonista Thomas Schüller, e una donna, l’ex suora Doris Wagner-Reisinger, accusatrice di padre Hermann Geissler ufficiale della Congregazione per la Dottrina della Fede che in seguito alle accuse di molestie sessuali si era dimesso dal suo incarico, dichiarandosi assolutamente innocente, e che  2019 è stato da poco assolto dalla Segnatura Apostolica. L’avvocato Schüller,  ha definito “scandalosa” la sentenza del Tribunale romano ed ora “cospira” con la signora Wagner e con gli altri prelati tedeschi. (E. B.)