GUATEMALA – Aborto, bocciata proposta di legalizzazione - CR - Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

GUATEMALA – Aborto, bocciata proposta di legalizzazione

Guatemala pro-life come l’Argentina: bloccato all’unanimità un progetto di legge per la legalizzazione dell’aborto, che resta consentito così solo quando la vita della madre sia a rischio.

La proposta bocciata, come al solito, è stata avanzata dall’opposizione di Sinistra, in particolare dal partito Convergencia, che aveva addirittura incluso un comma, per permettere l’accesso alla pratica abortiva entro le prime 12 settimane anche alle minorenni abusate sessualmente.

Potrebbe invece essere presto approvato dal Parlamento un disegno di legge, che mira a fornire un sostegno sociale ed educativo alle ragazze-madri; verrà inoltre discussa un’altra proposta, che, oltre  a rafforzare le leggi vigenti in tema di aborto, dichiarerà fuorilegge le cosiddette “nozze” Lgbt e specificherà esser la famiglia costituita da un uomo, da una donna e dai loro figli.

Paula Barros, attivista di Women Transforming the World – un progetto del Fondo per la Popolazione dell’Onu, sorto a sostegno dell’aborto coercitivo e della sterilizzazione forzata – ha dichiarato alla stampa che «non siamo ancora pronti per parlare di aborto in Guatemala». Speriamo che non lo siano mai.