Governatore della California rifiuta disegno di legge perché "non promuove abbastanza l'aborto" - Corrispondenza romana
Stampa la Notizia

Governatore della California rifiuta disegno di legge perché “non promuove abbastanza l’aborto”

All’inizio di quest’anno, è stato presentato un nuovo disegno di legge nello stato della California, che ha sollevato preoccupazioni sul fatto che agli studenti dalla settima alla dodicesima classe ( dai 12 ai 17 anni), sarebbero state fornite informazioni sulla “salute” sessuale e riproduttiva da alcuni centri locali.

Sorprendentemente, il disegno di legge è stato bocciato dal governatore Gavin Newsom; ma la motivazione è davvero scioccante.

Newsom infatti, ha respinto il disegno di legge perché non promuoveva abbastanza l’aborto.

Nella sua lettera di veto, spiega che in passato aveva sostenuto un disegno di legge simile che richiedeva che le linee telefoniche per contrastare la violenza domestica fossero riportate sulle carte d’identità degli studenti.

Riguardo però l’attuale proposta di legge, ha detto che caricare le scuole del fardello di indagare tra i vari centri quelli cui affidare i propri studenti per i servizi di “salute” riproduttiva, sarebbe stato negativo. Perché?

Perché alcuni di questi centri potrebbero non essere disposti a praticare o promuovere l’aborto.

“Ci sono molti centri in questo stato che si rifiutano di dare alle donne informazioni su tutte le loro opzioni di assistenza sanitaria riproduttiva, e non sono convinto che le scuole abbiano le competenze adeguate per decidere a quale di queste organizzazioni dovrebbero indirizzare i loro studenti”, ha scritto.

Dunque, quelle scuole che avessero scelto un’organizzazione sanitaria che non promuoveva l’aborto avrebbero sbagliato e questo non deve essere permesso.

“Mentre siamo grati per il veto del governatore Newsom a questa legge, è dolorosamente ovvio che la sua preoccupazione principale non era la sicurezza delle ragazze e la vita dei loro bambini non ancora nati”, ha detto Jonathan Keller, presidente del California Family Council, in un comunicato stampa. “Piuttosto, egli temeva che alcuni coraggiosi docenti o dirigenti scolastici potessero indirizzare gli studenti verso centri a favore della vita che non avrebbero offerto l’aborto. Nonostante questa vittoria politica, è scioccante vedere il governatore Newsom così palesemente a favore della censura di qualsiasi voce che dissenta dalla mentalità prevalente dell’aborto – prima mentalità di Planned Parenthood”.

Cosa c’era da aspettarsi da un governatore del genere?

Recentemente Newson ha firmato una legge che dà mandato a tutti i college statali e le università della California, di fornire farmaci abortivi agli studenti del campus. Questo nonostante il fatto che diverse università abbiano espresso preoccupazioni sull’aborto nei loro campus, compresi i costi e le responsabilità.

Queste azioni ci dimostrano che per questi politici promuovere a tutti i costi l’aborto è più importante di qualsiasi altra cosa. E poi gli intolleranti saremmo noi. (Chiara Chiessi)