“Dobbiamo mangiare i bambini per salvare il pianeta”. Dichiarazione shock ad un comizio politico - Corrispondenza romana
Stampa la Notizia

“Dobbiamo mangiare i bambini per salvare il pianeta”. Dichiarazione shock ad un comizio politico

Magnus Soderlund, docente alla School of Economics di Stoccolma, durante un programma televisivo, ha fatto una dichiarazione agghiacciante: per salvare il pianeta dai “cambiamenti climatici”, sarebbe necessario mangiare i morti. Sì proprio così. Iniziare a diventare cannibali.

Infatti, mangiare cadaveri umani anziché carne e verdura potrebbe essere la soluzione ideale al problema ambientale – afferma il professore – perché questo consumo sostituirebbe l’industria della carne e l’agricoltura che è in gran parte responsabile del riscaldamento globale.

Ma una proposta arrivata pochi giorni fa è ancora più scioccante.

Durante un dibattito sui cambiamenti climatici tenutosi a New York, una delle sostenitrici della deputata democratica statunitense Ocasio-Cortez, si è improvvisamente alzata in piedi ed ha detto che per risolvere il problema dei “cambiamenti climatici”, l’unica soluzione sarebbe quella di “mangiare i bambini”, a sua detta “potenziali inquinatori”.

Non saremo qui per molto a causa della crisi climatica,” ha detto la donna. “Ci sono rimasti solo pochi mesi!

Un professore svedese ha detto che possiamo mangiare le persone morte, ma non è una soluzione abbastanza veloce,” ha continuato la donna. “Quindi penso che lo slogan della vostra prossima compagna debba essere questo: ‘dobbiamo iniziare a mangiare i bambini!’ Non abbiamo abbastanza tempo! Troppo inquinamento, per questo dobbiamo sbarazzarci dei bambini! Questo è un grande problema. Abbiamo bisogno di mangiare i bambini!

La deputata Ocasio-Cortez, inoltre, ha reagito attaccando i membri dell’ala destra che avevano criticato le idee espresse dalla donna, invece di condannare le sue gravissime parole.

Ad un tweet di Trump che condannava quanto accaduto definendola “wack job” (pazzoide), la politica ha risposto che è meglio essere “wack job” piuttosto che traditore del proprio paese.

D’altra parte non scandalizziamoci per quanto è stato detto: l’ideologia ambientalista è totalmente contro l’uomo e l’approdo portato agli estremi, ma logico nella sua follia, è quanto detto dalla donna durante il comizio politico.

Consideriamo poi un altro aspetto: il primo step della finestra di Overton è proprio quello di discutere il tema in pubblico e fare delle dichiarazioni a carattere “scientifico” (come quella del professore svedese) a favore di esso.

Un’idea che sembra “assolutamente inaccettabile” viene messa in circolo piano piano, ed il tabù associato ad essa inizia a sgretolarsi.

Come successo per tante altre questioni, tra cui il “matrimonio” omosessuale, il poliamore, la teoria gender, ci ritroveremo, nel giro di non molto tempo, a leggere articoli, saggi e ad assistere a conferenze in cui degli “esperti” enumereranno i benefici per l’ambiente nel mangiare i bambini.

Se non vogliamo che questo accada, spetta a noi reagire. (Chiara Chiessi)