Cristianofobia: attacchi in Camerun, raddoppiati in India - CR - Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

Cristianofobia: attacchi in Camerun, raddoppiati in India

Cristianofobia: dall’inizio dell’anno ad oggi, nel nord del Camerun la formazione terroristica islamica Boko Haram ha commesso numerosi attacchi contro i cristiani. Anche nella notte tra il 3 ed il 4 febbraio scorsi il gruppo jihadista ha lanciato l’ennesimo, nuovo raid assassino: cinque i cristiani morti, tra i quali una donna gravida, ammazzati a colpi d’arma da fuoco. Incendiata anche una chiesa e centinaia di capanne nel villaggio di Gitawa, nei pressi di Tourou, nel Dipartimento di Mayo-Tsanaga.

Intanto, in India nel giro di un anno sono raddoppiati gli attacchi cristianofobici sferrati dagli indù, passati dai 348 blitz del 2016 ai 736 del 2017, secondo le stime raccolte in un recente rapporto. Quest’ondata di nazionalismo tende a rappresentare i cristiani come individui rivoltosi, pronti ad agire contro l’unità nazionale e contro i suoi valori, ad insultare le altre confessioni religiose, a fare discriminazioni: vengono considerati una sorta di seria minaccia per la sicurezza dello Stato, per questo divengono spesso bersaglio di denunce. Da quando il partito induista Bharatiya Janata Party ha conquistato il potere nel 2014, si sono moltiplicate le violenze contro i cristiani.