Belgio: centinaia i “rifugiati” già rientrati in patria - CR - Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

Belgio: centinaia i “rifugiati” già rientrati in patria

Nei primi sei mesi di quest’anno, in Belgio, sono stati ben 115 gli individui, che, pur avendo ottenuto lo status di «rifugiati» sostenendo di essere in pericolo in patria, stavano tranquillamente facendo ritorno nei loro Paesi d’origine, dimostrando così di non corrervi particolari rischi, come da loro dichiarato.

Una cifra paragonabile a quella dell’intero 2017 e più che doppia rispetto al 2016. Ora costoro rischiano di perdere il proprio permesso di soggiorno nel Paese, richiesto al solo scopo di poter fruire dei vantaggi finanziari e materiali previsti.

L’imbarazzante lassismo delle autorità belghe sta, tuttavia, provocando anche qui seri danni: basti pensare come, dal 2016, delle 103 persone, che hanno perso il proprio status di «rifugiati», già 67 sono state autorizzate a mantenerlo, nonostante i propri viaggi in patria. Ed altri 135 dossier sono attualmente al vaglio del Commissariato Generale per i Rifugiati e per gli Apolidi.