Attacco jihadista nel Burkina Faso, una trentina i morti - CR - Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

Attacco jihadista nel Burkina Faso, una trentina i morti

Altro sangue d’Oltralpe è stato versato alla jihad: l’ambasciata, l’Istituto Francese ed il quartier generale dell’esercito a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso, sono stati attaccati ieri da miliziani islamici: a rivelarlo, è stata la Polizia locale, notizia confermata anche dal ministro degli Esteri, Jean-Yves Le Drian. Almeno 28 i morti, 85 i feriti, secondo quanto rivelato dalle forze dell’ordine.

Secondo le testimonianze raccolte, cinque uomini armati avrebbero aperto il fuoco sui passanti, prima di dirigersi verso l’ambasciata francese. Un’altra esplosione è stata segnalata nei pressi del quartier generale delle forze armate del Burkina Faso e nei pressi del centro culturale francese, a poco più di un chilometro di distanza. Almeno 12 sarebbero stati i terroristi islamici implicati in questi attacchi coordinati: di loro otto sono stati uccisi. La situazione è ora «sotto controllo».

Il Sindaco di Ouagadougou, Armand Béouindé, ha confermato al quotidiano Le Monde la versione di un attentato jihadista: numerosi colpi hanno centrato anche il Municipio e distrutto le finestre dell’edificio. Del resto, la presenza di gruppi musulmani legati ad al-Qaeda e all’Isis si è recentemente rafforzata con una maggiore presenza nella regione del Sahel, nonché con attacchi in Mali, Burkina Faso, in Costa d’Avorio ed in Niger.