Andalusia: soldi pubblici usati per promuovere l'immoralità - CR - Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

Andalusia: soldi pubblici usati per promuovere l’immoralità

Non c’è più limite al disgusto: i soldi pubblici, nella comunità autonoma di Andalusia, in Spagna, vengono usati per finanziare corsi di masturbazione maschile, femminile e Lgbt. A promuoverli, è stata l’organizzazione Apoyo Positivo, sigla non lucrativa dedicata alla “sensibilizzazione” sul tema dell’Aids: l’iniziativa ha subito trovato l’appoggio della giunta di Andalusia, retta dalla socialista Susana Diaz (nella foto).

Dopo vari rinvii di data (dal 13 al 14 febbraio, per celebrare paradossalmente la Giornata europea della salute sessuale) e di sede (non più presso strutture municipali), i corsi sono partiti in un contesto decisamente anomalo ovvero all’interno di un bar, frequentato da coppie Lgbt e noto per l’organizzazione di spettacoli en travesti e di festine “dedicate” ad un pubblico omosessuale.

Il programma prevede tre workshop, come recita il sito web dell’organizzazione: il primo dedicato alle donne, il secondo dedicato agli uomini e il terzo, infine, dedicato agli omosessuali con l’apprendimento di tecniche di massaggio erotico.

Preferiamo risparmiarvi titoli delle varie sedute e le relative locandine, perché – davvero – non ne vale la pena. Ma che il denaro della gente – anche dei contribuenti, come famiglie e pensionati, che fanno fatica ad arrivare alla fine del mese – venga utilizzato per promuovere pubblicamente l’immoralità più spinta ed il peccato è una situazione di disordine, che presenta connotati davvero diabolici.