Africa e Stati Uniti bloccano risoluzione Onu pro-aborto - CR - Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

Africa e Stati Uniti bloccano risoluzione Onu pro-aborto

Gli Stati Uniti, assieme ad un gruppo di Stati africani, ce l’hanno fatta: nei giorni scorsi sono riusciti a respingere la risoluzione dell’Onu sulla migrazione, risoluzione che gli europei han cercato in tutti i modi di declinare in senso filo-abortista, addirittura escludendo la possibilità d’esercitare il principio di sovranità nazionale in materia, ma ne sono usciti con le ossa rotte, sconfitti su tutto il fronte.

Nessun accordo in merito è stato raggiunto dai Paesi membri della Commissione per la popolazione e lo sviluppo delle Nazioni Unite. La bozza finale è stata sonoramente bocciata. I riferimenti alla «salute sessuale e riproduttiva» non sono piaciuti ai rappresentanti Usa, che hanno evidenziato come, dietro questi termini, si celi in realtà l’aborto. La coalizione europea – comprendente, oltre a Germania, Francia, Regno Unito, Paesi nordici, anche Giappone, Canada e Australia – ha promesso vendetta: tornerà presto alla carica, col proposito, questa volta, di riuscire ad introdurre l’aborto, imbavagliando qualsiasi resistenza ed impedendo a qualunque Paese di far valere la sovranità a casa propria.