A ottobre il IX Pellegrinaggio «Summorum Pontificum» - Corrispondenza romana
Print Friendly, PDF & Email

A ottobre il IX Pellegrinaggio «Summorum Pontificum»

Print Friendly, PDF & Email

È previsto dal 23 al 25 ottobre prossimi l’ormai tradizionale Pellegrinaggio «Summorum Pontificum», promosso a Roma dall’omonimo Coetus Internationalis e giunto alla sua nona edizione.

Come gli scorsi anni, sono attesi molti fedeli da tutti i Continenti del mondo, a testimonianza della perenne giovinezza e della fervorosa vitalità tanto del Vetus Ordo Missae quanto dell’intera Tradizione cattolica. Il Populus Summorum Pontificum intende, infatti, custodire con integra fedeltà non solo il patrimonio liturgico della Chiesa, così come ci è pervenuto lungo i secoli e come anche oggi viene celebrato ad ogni angolo della Terra, ma, assieme ad esso, anche il tesoro dottrinale incorrotto dell’intera ed autentica fede cattolica, tesoro cui la liturgia tradizionale è indissolubilmente intrecciata.

I partecipanti al Pellegrinaggio, affidato alla protezione di San Filippo Neri, sono l’espressione evidente di una realtà spirituale viva e vitale, provvidenzialmente feconda in termini di conversioni, di promozione della famiglia, di vocazioni sacerdotali: già in una passata intervista al mensile Radici Cristiane, l’abbé Claude Barthe, teologo, esperto di Liturgia Romana e assistente ecclesiastico del Pellegrinaggio «Summorum Pontificum», evidenziò come tale evento rappresenti «una testimonianza della perpetua giovinezza propria della liturgia tradizionale», di profonda «ricchezza spirituale, eccezionale pedagogia di fede» e significativo «fermento missionario».

Il momento culminante di quest’edizione del Pellegrinaggio sarà sabato 24 ottobre alle ore 11.30 con la S. Messa celebrata nella basilica di S. Pietro, in Vaticano, da Sua Eminenza il cardinale prefetto Robert Sarah.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Circa le date programmate il Coetus Internationalis Summorum Pontificum confida «nella misericordia di Dio Onnipotente e nell’intercessione dei Santi», sia affinché «possa avere termine la pandemia che affligge i popoli del mondo», sia affinché «sia possibile rinnovare il pio rito».