A Dunkerque passeggero accoltellato sul bus da rifugiato - CR - Agenzia di informazione settimanale
Stampa la Notizia

A Dunkerque passeggero accoltellato sul bus da rifugiato

Benché i media non si siano prodigati nell’informare, la notizia alla fine è trapelata comunque: ennesimo caso di aggressione ad opera di un cosiddetto rifugiato, è accaduto a Dunkerque su di un bus. Qui un 25enne iracheno, richiedente asilo, Nabard Arsalan, sentitosi rifiutare da un passeggero una sigaretta, ha estratto un coltello dalla tasca e lo ha colpito alla guancia, proprio al di sotto dell’occhio. La vittima, immediatamente trasportata in ospedale, ha ricevuto dieci punti di sutura.

L’aggressore è stato subito bloccato e processato per direttissima. Non che la cosa lo preoccupi più di tanto, infatti era già stato condannato, peraltro sotto falsa identità, a tre mesi di prigione per violenza a pubblico ufficiale e porto abusivo d’arma, ma il processo, slittato tra ricorsi ed appelli, è stato addirittura sospeso lo scorso luglio e rinviato più volte a causa degli scioperi degli avvocati: si sarebbe dovuto tenere in aula il prossimo 18 maggio.

Delle nuove prodezze di questa “risorsa” ha dato conto il quotidiano Lavoixdunord, che ha precisato come Arsalan sia giunto un anno fa in Francia, sognando la Gran Bretagna, sua reale meta.