Nigeria: strage di cristiani, 19 vittime in una chiesa

(Andrea Riccardi su Il Corriere della Sera del 07-08-2012) Almeno 19 persone sono rimaste uccise in un attacco armato contro una chiesa cristiana nel centro nord della Nigeria. L’attacco è stato confermato da Gabriel Olorunyomi, comandante dell’esercito nello stato di Kogi, senza aggiungere altri dettagli. Residenti locali hanno accusato dell’eccidio membri della setta islamista dei Boko Haram.

LA DINAMICA – L’attacco è avvenuto contro la Deeper Life Bible Church dove i fedeli si erano riuniti per la lettura della Bibbia che viene fatta il lunedì. Secondo quanto riferiscono siti locali, citando il portavoce della polizia, ad attaccare la chiesa sono stati una decina di uomini armati che hanno chiuso le porte dell’edificio religioso per impedire ai fedeli di fuggire. Anche gli automobilisti che passavano nelle vicinanze e gli studenti di una scuola vicina hanno dovuto cercare riparo per non essere colpiti dal fuoco degli assalitori. Diverse persone sono rimaste ferite L’attacco è durata una ventina di minuti.

STRATEGIA EUROPEA – Dall’inizio dell’anno Boko Haram ha sferrato attentati in cui sono rimaste uccise 800 persone, delle quali oltre 150 cristiani. Occorre discutere «una strategia comune europea ed internazionale» per la protezione delle minoranze religiose in pericolo, come i cristiani della Nigeria, ha commentato il ministro degli Esteri, Giulio Terzi. «Esprimo ferma condanna per l’ultimo gravissimo attentato in Nigeria frutto dell’odio religioso contro i cristiani e ribadisco la mia solidarietà alle comunità cristiane nigeriane, che piangono ancora una volta molte vittime innocenti», ha aggiunto il ministro per la Cooperazione internazionale e l’Integrazione. (Andrea Riccardi)

Donazione Corrispondenza romana