Siria, sigla umanitaria nei guai: dava i soldi all’Isis

SiriaC’è ong e ong. Indubbiamente. Lo ha scoperto a proprie spese il buon cuore dei Francesi, pronti anche in tempi di ristrettezze a mettersi una mano al cuore e l’altra al portafoglio, convinti di portare così un aiuto ai piccoli devastati dalla guerra in Siria… In realtà, a loro insaputa, hanno soltanto foraggiato la jihad. Senza nemmeno poterlo sospettare.

E’ accaduto con l’associazione denominata «Perla della speranza». I suoi manifesti mostravano lo sguardo grande e triste di un bambino. Lo slogan era chiaro: «La Siria ha bisogno di te». Secondo i servizi segreti, sotto le mentite spoglie di una sigla caritativa come tante altre, questo ente raccoglieva in realtà fondi per armare il terrorismo islamico. Di questo, secondo il quotidiano Le Monde, sono stati accusati i suoi vertici, il 22enne Nabil O. e la 34enne Yasmine. Secondo la DSGI-Direzione Generale della Sicurezza interna, i soldi e gli aiuti umanitari raccolti sarebbero, nello specifico, arrivati dritti dritti all’Isis, per sostenere economicamente la sua disumana crudeltà.

E si citano due casi. La scorsa estate un convoglio partito dalla Francia, carico di medicinali, è giunto sino nella roccaforte della Brigata dei Falchi di Cham, affiliata al sedicente Stato Islamico. Il secondo: a settembre era stata avviata una nuova campagna di sensibilizzazione, denominata «Una pecora per Eid». Il 9 ottobre i due responsabili sono partiti per la Turchia. Sono stati controllati alla frontiera di Lione, «ciascuno dei due è stato trovato in possesso di 9.900 euro in contanti, una somma che ha consentito loro di sfuggire all’obbligo di legge di una dichiarazione doganale, obbligo fissato per una cifra pari o superiore a 10 mila euro». Il quotidiano precisa però come «solo 6 mila euro siano stati destinati all’acquisto della bestia, il denaro restante sarebbe finito invece nelle mani dei gruppi dei miliziani islamici».

Secondo Le Monde, il profilo Facebook di Nabil, originario di Argenteuil, sarebbe estremamente inquietante: ha postato «foto che lo mostrano armato, altre che raffigurano decapitazioni, altre ancora che mostrano la bandiera nera dell’Isis». L’uomo si trova ora in carcere, mentre la donna resta sotto stretto controllo giudiziario. Ma quante altre ong come la loro sono ancora attive?

Donazione Corrispondenza romana