Monti e la sovranità popolare

(di Francesco Mario Agnoli su “Libertà e Persona” del 14/11/2011) La fase preparatoria è stata relativamente lenta. Molto relativamente se si considera che si trattava di screditare completamente presso il popolo italiano la maggioranza parlamentare trionfalmente uscita dalle elezioni del 2008 e il governo che ne era espressione.

A furia di bene assestati colpi della speculazione finanziaria sulla Borsa di Milano e soprattutto sui Buoni del Tesoro (il famoso “spread” rispetto ai bonds tedeschi), ci si è riusciti in pochi mesi, Del resto Berlusconi, per incapacità, incompetenza, obnubilamento senile, priapismo o altro ci ha messo del suo. Esaurita la fase preparatoria, con la promessa dell’ormai ex Berlusca di dimettersi entro sabato 12, l’operazione è scattata con l’efficiente rapidità di una ben oliata macchina finanziaria: mercoledì 9 novembre, nomina a senatore a vita del grande economista Mario Monti, già Commissario Ue, presidente europeo della Trilaterale, membro del Comitato direttivo del Gruppo Bilderberg (una sorta di super-massoneria internazionale), “international advisor” per la banca d’affari Goldman Sachs; giovedì 10, veloce rientro in patria da Berlino del nominato; venerdì 11, intronizzazione del neo senatore fra gli applausi dei colleghi e gli abbracci della Bonino; sabato 12 , il neo senatore già al lavoro nel suo nuovo ufficio di Palazzo Giustiniani (lungo colloquio con Mario Draghi; da poco installatosi a Francoforte alla presidenza della Banca Centrale Europea, pranzo di lavoro e successivo colloquio con un Berlusconi con le valige in mano).

Intanto da tutto il mondo della finanza, delle banche e dell’economia piovono gli elogi per il predestinato a ricevere dalle mani del presidente della Repubblica l’incarico di formare il nuovo governo. I mass-media concordi lasciano intendere che il presidente Napolitano non vuole nemmeno sentire parlare di altre candidature ( e difatti fra i partiti presenti in parlamento anche Di Pietro si è piegato, il Pdl si appresta a farlo, solo i buzzurri della Lega fermi nel rifiuto). Il gran capo dell’opposizione parlamentare on. Bersani (dimentico che i suoi antenati del Pci definivano David Rockefeller, fondatore della Trilaterale, “il nuovo Hitler”) annuncia addirittura che a lui e al Pd va bene qualunque governo Mario Monti metta in piedi senza discutere né i nomi dei ministri né i programmi.

Insomma una fiducia pronta, cieca ed assoluta. Più autorevole di tutti, se non altro perché l’Italia ha appena accettato (forse in quel momento Berlusca sperava ancora di salvare, piegando la schiena, la poltrona) di sottoporsi al controllo del Fondo Monetario Internazionale, la francese Christine Lagarde, succeduta al suo intemperante connazionale Strauss-Khan nel ruolo di direttore generale del Fondo, ha solennemente rivelato di conoscere bene Mario Monti e di avere per lui “molta stima e rispetto”.

Insomma tutto il mondo economico-finanziario globale all’opera per confondere le idee agli italiani, già adeguatamente rintronati dal brusco passaggio nel giro di pochi mesi da nazione quasi in buona salute nonostante la crisi mondiale a disgraziati colleghi della sventurata Grecia (a sua volta costretta a mettere a capo del governo Lucas Papademos, già vice-presidente a Francoforte della Bce). Si tratta (e l’operazione sta perfettamente riuscendo) di fare passare l’approvazione dei poteri forti come un valido sostituto di quella legittimazione democratica che Mario Monti non ha e non potrà mai avere e addirittura è bene che non abbia, perché, come qualcuno ha scritto pappale papale, la caratteristica essenziale di un governo tecnico e, quindi, anzitutto di chi lo presiede è che non deve rendere conto agli elettori.

E pazienza se l’art. 1 della Costituzione attribuisce al popolo la sovranità e il suo esercizio. Certamente, dato che lo scopo è stato raggiunto e non vi è ragione di continuare a picchiare, almeno per qualche tempo gli italiani saranno (forse) compensati per questa loro (forzata) rinuncia alla sovranità con un migliore andamento della Borsa e un’ulteriore riduzione del famigerato “spread”.

Tuttavia è abbastanza singolare che nell’anno in cui celebra il 150° della sua unità, che, per chi ricorda la storia del Risorgimento, ha poi significato sopratutto l’indipendenza da Vienna, l’Italia abbia accettato il controllo del Fondo Monetario Internazionale, di solito riservato ai poveri paesi africani, e di essere, di fatto, governata non da Roma, ma da Francoforte. Ancora più singolare che avvenga con la benedizione del maggiore promotore e più autorevole protagonista delle celebrazioni centocinquantenarie, l’on. Giorgio Napolitano.

Donazione Corrispondenza romana
  • L’Italia cambia, ma Mattarella non se ne accorge
    (di Roberto de Mattei) Domenica 27 maggio il prof. Giuseppe Conte, incaricato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella di formare un governo, si è presentato al Palazzo del Quirinale per presentare la lista dei suoi ministri, frutto di un intenso … Continua a leggere
  • Elezioni 2018: vincitori e vinti
    (di Lupo Glori) Boom della “Lega” e del “Movimento 5 Stelle” (M5s), contenuta crescita di “Fratelli di Italia”, forte calo di “Forza Italia” e storico tracollo del “Partito Democratico”. Il ciclone “Burian”, dopo essersi abbattuto sulle strade del nostro paese … Continua a leggere
  • Condannato Danilo Quinto, promossa Emma Bonino?
    (di Emmanuele Barbieri) Il 22 febbraio, se non ci saranno ulteriori rinvii, Danilo Quinto, sarà processato per diffamazione a mezzo stampa. Quinto, ex tesoriere del Partito Radicale, è autore di un libro dal titolo Da servo di Pannella a figlio … Continua a leggere
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere