Magdi Cristiano Allam lascia il Partito popolare europeo (Ppe) e aderisce al Gruppo “Europa della Libertà e della Democrazia” (Efd)

(comunicato stampa su Io Amo L’Italia del 15/12/2011) Magdi Cristiano Allam, europarlamentare e Presidente del movimento politico Io amo l’Italia, ha abbandonato il gruppo del “Partito popolare europeo” (Ppe) per aderire da indipendente al Gruppo “Europa della Libertà e della Democrazia” (Efd) in seno al Parlamento Europeo.

Allam ha spiegato le ragioni del suo addio al Ppe in una lettera inviata la direttore de “Il Giornale”: “preso atto che sul tema dell’aborto anche all’interno del Ppe si contempla la libertà di scelta, per la sostanziale perdita dell’identità cristiana del Gruppo al punto che la denominazione Democratico Cristiano non compare più, neppure tra parentesi, né nel sito né nel logo ufficiale.

Più recentemente la decisione del Ppe di sostenere la prospettiva di un super-Stato che decide centralmente la politica finanziaria, di bilancio ed economica dei Paesi che aderiscono all’euro, di fatto asservito ai poteri finanziari forti, mi ha fatto toccare con mano la scelta di privilegiare la moneta rispetto alla persona, il profitto rispetto al bene comune. Il colpo di grazia è stato l’alleanza del Ppe con gli islamici, dimostrando totale ignoranza della realtà di chi strumentalizza le elezioni per imporre la sharia, la legge coranica.”

Per queste ragioni, in coerenza con la propria fede cristiana e con i valori non negoziabili che laicamente professa, Magdi Cristiano ha operato una scelta che gli consenta di proseguire con libertà il compito assunto con l’elezione al Parlamento europeo nel 2009:  “Io amo l’Europa così come amo l’Italia, ma amo l’Europa dei popoli, che non si vergogna delle sue radici giudaico-cristiane, che non svende i valori non negoziabili, che non baratta la nostra dignità con i petrodollari, che mette al centro la persona e persegue il bene comune. D’ora in avanti la mia missione sarà di contribuire a dare un’anima all’Europa.”

Donazione Corrispondenza romana