L’ospedale di Padova «riconosce» le mamme gay con un braccialetto

L'ospedale di Padova «riconosce» le mamme gay con un braccialetto(su Il Corriere del Veneto del 02-01-2013) Un braccialetto per la mamma, uno per il bebè e uno per il… partner. La clinica ostetrica dell’ospedale di Padova ha deciso, di fatto, di «riconoscere» i genitori omosessuali con un apposito braccialetto. Da anni, dopo il parto, al polso del neonato viene legato un braccialetto con un numero identificativo. Lo stesso numero viene stampato al braccialetto donato alla madre. La clinica metteva a disposizione anche un terzo braccialetto che veniva dato al papà.

I tre braccialetti erano diversi, non solo per grandezza. Ma anche perché su quello da dare alla madre era stampato il nome «madre», su quello per il papà la parola «padre». Tutto ha funzionato bene fino a due mesi fa, quando una donna ha rifiutato di ricevere un braccialetto destinato al papà. In ospedale aveva appena partorito la compagna, che come padre ha indicato nome e cognome dell’amica. La compagna ha firmato il registro dell’atto di nascita che in ospedale era stato sottoposto alla madre ma ha rifiutato di ricevere il «braccialetto del papà».

La direzione sanitaria della clinica ostetrica ha deciso di cambiare la dicitura dei braccialetti. Da «padre» in «partner». «Ormai non si può più ragionare in modo tradizionale – ha spiegato il primario Giovanni Battista Nardelli -, abbiamo preso questa decisione per non offendere la sensibilità di nessuno». Nardelli ha spiegato di aver avviato una serie di procedure per poter avere entro dicembre la qualifica di «ospedale amico delle mamme» grazie a modelli organizzativi e culturali all’avanguardia nel settore. Il bambino nato da due donne è stato reso possibile grazie alla fecondazione eterologa, un procedimento vietato dalla legislazione italiana ma ammesso all’estero, in cui il seme maschile proviene all’esterno della coppia. Quando la donna si è rivolta all’ospedale per il parto, non le sono state fatte domande sulla gravidanza e i medici l’hanno aiutata a mettere alla luce il bimbo, che ora ha due madri. Durante un incontro con la stampa, il primario Nardelli ha parlato anche dell’aumento di casi di uomini e donne che ricorrono alla procreazione medicalmente assistita. Nel 2012 la Clinica ginecologica di Padova ha effettuato 388 trattamenti con 306 prelievi ovocitari e 267 trasferimenti embrionali.

Donazione Corrispondenza romana
  • Il Parlamento Europeo impone le adozioni LGBT a tutta l’UE?
    (di Lupo Glori) Introdurre le adozioni omosessuali scavalcando le singole legislazioni nazionali. Questo sembra essere il velato obiettivo di una risoluzione presentata lo scorso 2 febbraio dal Parlamento europeo con la quale si esorta la Commissione europea a richiedere che … Continua a leggere
  • Donald Trump inverte la rotta su aborto e gay
    (di Lupo Glori) Il 20 gennaio 2017 Donald Trump, nel corso di una solenne cerimonia a Capitol Hill, ha giurato come quarantacinquesimo presidente degli Stati Uniti, recitando la classica formula di rito sulla Bibbia, davanti ad oltre un milione di … Continua a leggere
  • Dalla Sodomia all’omosessualità di Rodolfo de Mattei
    (di Gianandrea de Antonellis) In Gender diktat (edito da Solfanelli nel 2014), Rodolfo de Mattei, responsabile del sito web osservatoriogender.it, aveva analizzato le radici ideologiche e le ricadute sociali della teoria del gender. Con il nuovo saggio Dalla sodomia all’omosessualità. … Continua a leggere
  • Si richiama alla Bibbia: pesanti sanzioni ad una deputata francese
    (di Mauro Faverzani) Incredibile! L’on. Christine Boutin, presidentessa del Partito Cristiano Democratico, già deputata dell’Assemblea Nazionale in Francia ed ex-ministro per l’Abitazione col governo Fillon I, è stata condannata ad una sanzione di 5 mila euro semplicemente per aver definito … Continua a leggere
  • Vera e falsa arte sacra
    (di Cristina Siccardi) Mentre ovunque lo sguardo si giri le immagini offendono la morale cristiana e la religione cattolica, veniamo a sapere che L’Osservatore Romano ha bocciato la Resurrezione di Cristo di Perugino, che corredava il manifesto che Vittorio Sgarbi … Continua a leggere
  • Il futuro è svedese?
    (di Tommaso Scandroglio) Il futuro è svedese, freddo e senza luce come quel Paese. Nell’inverno del ’72 il partito Socialdemocratico produsse un documento chiamato La famiglia del futuro. In esso si elaborò la Teoria svedese dell’amore la quale prevedeva che … Continua a leggere
  • Il demone della non discriminazione fa le sue vittime
    (di Tommaso Scandroglio) Ed ecco che la legge sulle Unioni civili passa per essere discriminatoria. A dirlo non è un militante pro-family o un cattolico ultraconservatore, bensì un attivista delle rivendicazioni LGBT, l’assessore torinese alle Pari opportunità della giunta Appendino … Continua a leggere
  • Come siamo arrivati a legalizzare le “unioni civili”
    (di Tommaso Scandroglio) Approvato il decreto ponte sulle Unioni civili dal Consiglio di Stato, a Castel San Pietro, piccolo comune nel bolognese, Elena e Deborah si sono unite civilmente nonostante manchino ancora i decreti definitivi. La prima coppia omosessuale che … Continua a leggere
  • La doverosa obiezione di coscienza alle Unioni civili
    (di Tommaso Scandroglio) L’Associazione radicale Certi diritti ha recentemente pubblicato un documento in cui afferma che non si può applicare l’istituto giuridico dell’obiezione di coscienza alle Unioni civili. La doverosa obiezione di coscienza alle Unioni civili was last modified: luglio … Continua a leggere
  • Oltraggi blasfemi al Gay Pride di Lima: fino a quando?
    Lima, Perù, Gay Pride: si è consumato qui lo scorso 2 luglio l’ennesimo oltraggio blasfemo alla fede cattolica. Letteralmente calpestati i sentimenti più intimi dei 1.254 milioni di fedeli di tutto il mondo, senza che nessuno abbia avuto alcunché da … Continua a leggere