Libia. Il governo chiede alla Chiesa di andarsene dal paese

Libia via i cristianiLe bande armate islamiche hanno preso possesso della Cirenaica e si stanno espandendo in Libia. Minacce e violenze si accumulano contro i cristiani.
Tuttavia, il governo libico preferisce chiedere ai religiosi di andarsene dal paese, piuttosto che frenare l’escalation. Chiede l’allontanamento anche di quegli operatori che da decenni si occupano di infermi e anziani.
Per il loro bene, per tutelare la loro integrità, questa è la scusa. Ma potrebbe trattarsi di uno sfratto in piena regola. Non si tratta infatti di una semplice raccomandazione ad attività locali, in zone circoscritte, ma di un invito rivolto ad una religione nel suo complesso ad abbandonare la Libia.
La richiesta è confermata da Vincent Landel, arcivescovo di Rabat (Marocco) e presidente della Conferenza episcopale dell’Africa settentrionale: “
Le autorità hanno chiesto alle comunità religiose di lasciare il Paese, a causa del clima di insicurezza”.
Purtroppo, e questa è un’ulteriore conferma, diventa sempre più piccolo lo spazio nel quale possono vivere i cristiani, senza essere perseguitati.

***
16 ottobre 2013
Libia in balia di islamisti e criminali. Il governo chiede alla Chiesa di lasciare il Paese

Insicurezza, minacce a chi aiuta i migranti, rapine e violenze, stanno rendendo la Libia, soprattutto la Cirenaica, una terra senza legge, dove le bande armate islamiste hanno preso il posto della polizia. Tale situazione è un rischio per l’esistenza della Chiesa cattolica nel Paese. Invece di prendere provvedimenti il governo preferisce invitare i religiosi a fuggire. Nei giorni scorsi mons. Vincent Landel, arcivescovo di Rabat (Marocco) e presidente della Conferenza episcopale dell’Africa settentrionale, ha denunciato la situazione della Chiesa in Libia dove “le autorità hanno chiesto alle comunità religiose di lasciare il Paese, a causa del clima di insicurezza”. Suore, medici e infermiere, la maggior parte di nazionalità filippina, lavorano da anni negli ospedali libici, curando infermi e anziani. Durante la guerra gli ambulatori e gli ospedali gestiti dai religiosi erano gli unici operativi. Fonti dell’agenzia AsiaNews, anonime per motivi di sicurezza, sostengono che la Libia è divisa in due: “A Bengasi la Chiesa riceve continue minacce ed è ormai quasi impossibile lavorare. La situazione è molto rischiosa”. A inizio 2013 diversi Ordini hanno abbandonato i loro conventi, dopo 40 anni di missione. Ora un’altra ondata potrebbe lasciare la Cirenaica senza presenza cattolica. Secondo le fonti, la situazione è ormai al limite. L’unica area dove si può ancora lavorare è Tripoli. “La città è per il momento sicura – affermano – ciò consente a suore e operatori di carità di aiutare le centinaia di migranti che ogni giorno giungono in città, in attesa di trovare il denaro per fuggire in Europa. Tuttavia occorre lavorare con molta prudenza. Anche nella capitale si aggirano bande armate e non ci si può fidare di nessuno. I migranti si nascondono nei conventi e in case private, per evitare di essere rapinati o uccisi”. (R.P.)

Fonte: Radio Vaticana

Donazione Corrispondenza romana