L’ex-primate: ‘La comunione anglicana vicina all’estinzione’

Print Friendly, PDF & Email

CareySecondo Lord Carey de Clifton (nella foto), ex-primate della comunione anglicana negli anni 1991-2002, la cosiddetta «chiesa d’Inghilterra» sarebbe ad una sola generazione dalla propria scomparsa, dal proprio annientamento. Le sue dichiarazioni sono giunte a commento dei risultati dell’ultima macro-indagine NatCen, che indica un’ulteriore emorragia di fedeli – 1,7 milioni in meno – all’interno di tale confessione. Gli anglicani son passati dal 40% del 1983 al 21% del 2012 sino al crollo del 17% nel 2014.

Una notizia, che merita più d’una riflessione circa le cause, non però ovviamente la più preoccupante, ch’è invece la seguente: il 49% dei sudditi del Regno Unito si dichiarerebbe agnostico o ateo. In crescita il numero dei musulmani, un milione in più: son giunti quasi a quota 5%.

Resta una luce: il numero dei Cattolici si manterrebbe viceversa stabile, ma fermo attorno all’8-9%. Una possibile, concreta interpretazione dei dati potrebbe suggerire esser questa terra di nuovo da considerarsi fertile terreno per una coraggiosa rievangelizzazione ed una incisiva testimonianza da parte dei fedeli cattolici.


Sostieni Corrispondenza romana

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Informazioni Carta di Credito
Questo è un pagamento sicuro SSL crittografato.

Totale Donazione: €100.00

Donazione Corrispondenza romana