L’Europa affidata al Rosario di oltre un milione di polacchi

(di Mauro Faverzani) Non vanno sottovalutati l’esempio ed il modello offertici dalla Polonia col «Rosario al confine», così denominato perché recitato sabato scorso per l’appunto lungo i confini nazionali da oltre un milione di fedeli, radunati in 320 chiese ed in 4 mila «zone di preghiera». Non vanno sottovalutati per tanti motivi.

Innanzi tutto, per il carattere d’intensa devozione proprio dell’iniziativa, a partire dalla data, il 7 ottobre, festa di Nostra Signora del Rosario, alla cui intercessione è attribuita, nel giorno anniversario, la vittoria cristiana nella battaglia di Lepanto, con cui nel 1571 venne sconfitta la flotta turca e salvata l’Europa dall’islamizzazione. Non a caso: anche sabato scorso i cattolici polacchi hanno chiesto alla Madonna di preservare il nostro Continente dall’abiura e di proteggerlo dall’invasione musulmana.

Poi perché promosso espressamente dai Vescovi polacchi, che, a differenza di tanti loro Confratelli italiani (e non solo), hanno dimostrato come rinunciare all’antilingua del «politicamente corretto» sia possibile, hanno compiuto una scelta di campo chiara e coerente e chiesto a Dio, con omelie e preghiere, di mantenere cristiane le nostre Nazioni. E poi per i frutti, che tutto questo ha prodotto: anche in Italia, come in altri Paesi, sono stati promossi appuntamenti analoghi.

Nel nostro Paese venerdì prossimo, nel centenario delle apparizioni della Madonna a Fatima, l’iniziativa verrà riproposta dall’Associazione Italiana Accompagnatori Santuari Mariani, ben sapendo come ad essa siano pronti ad aderire molte altre sigle, parrocchie, gruppi di preghiera e singoli fedeli col digiuno a pane ed acqua e con la recita del S. Rosario, ovunque alle ore 17.30, in tutta Italia. Con un proposito, lo stesso dei fedeli polacchi: chiedere alla Vergine di salvare il nostro Paese e l’Europa «dal nichilismo islamista e dal rinnegamento della fede cristiana».

Benché accolto dal silenzio mediatico, da parte del Vaticano nonché di quella stampa che si proclama “cattolica”, oppure con uno squallido gioco al ribasso sul numero dei partecipanti, si è trattato comunque a tutti gli effetti dell’evento di preghiera più importante degli ultimi sessant’anni; un evento spirituale, raccogliendo l’invito alla conversione della Madonna di Fatima, però, ad un tempo, anche ideale e politico, riuscendo ad incidere nella coscienza di un’intera Nazione.

Durante la S. Messa, l’Arcivescovo di Cracovia, mons. Marek Jedraszewski, ha esortato a pregare «per le altre nazioni europee, perché capiscano che è necessario tornare alle radici cristiane, affinché l’Europa rimanga l’Europa». La Polonia è, dunque, un popolo, che dimostra di avere cara la propria Fede, chiara la propria identità e certa la propria Patria. Al punto da porle di fronte a sé come un modello da seguire, un obiettivo da conseguire e non un semplice ricordo da commemorare.

La Polonia non è disposta a rinunciare a nulla di tutto questo, né tanto meno a subire un’invasione di massa, un’immigrazione di sostituzione, che segni la fine della propria cultura e della propria stessa esistenza. E noi? (Mauro Faverzani)

Donazione Corrispondenza romana
  • Il “caso Viganò” e l’“impasse” di papa Francesco
    (di Roberto de Mattei) Una risposta alla fine è arrivata. Non la risposta, invano attesa, di papa Francesco, ma quella, comunque significativa, di uno dei giornalisti che fanno parte del suo stretto entourage. L’autore è Andrea Tornielli, vaticanista del quotidiano … Continua a leggere
  • Santa Teresa e l’Istruzione Cor Orans
    (di Cristina Siccardi) I santi, quando si tratta di difendere l’integrità della fede, il bene della Chiesa, la Regola del proprio ordine/congregazione non si risparmiano e, dispiegando eroicamente ogni tipo di risorsa, sostenuti dalla Grazia divina, escono vittoriosi con i … Continua a leggere
  • La vocazione della nostra epoca
    (di Roberto de Mattei) Ogni uomo ha una sua specifica vocazione. Ciò che Dio chiede ad ogni anima, costituisce la sua vocazione che è la forma speciale nella quale la Provvidenza vuole che ognuno operi e si sviluppi. Ogni uomo … Continua a leggere
  • Santa Chiara, una vera discepola di san Francesco
    (di Cristina Siccardi) Il “buonismo” è la chiave di lettura che la Santa Sede dà del de profundis indetto con la Costituzione apostolica Vultus Dei Quaerere e la sua Istruzione applicativa Cor Orans dei monasteri di clausura:non si dice che … Continua a leggere
  • Dalla Gaudium et spes a Humanae vitae
    (di P. Serafino M. Lanzetta) La grave crisi morale di abusi sessuali che investe la S. Chiesa ha radici molto più profonde del cattivo comportamento di alcuni sacerdoti e prelati. E non è sicuramente espressione di quella debolezza umana che … Continua a leggere
  • La vita contemplativa secondo santa Ildegarda
    (di Cristina Siccardi) Il sacrario dei chiostri di vita contemplativa femminile è violato dalle ultime disposizioni emanate dalla Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica. La Costituzione apostolica Vultus Dei Quaerere e la sua … Continua a leggere
  • Il VII pellegrinaggio del Populus Summorum Pontificum
    (di Marco Sgroi) Per la settima volta a partire dal 2012, alla fine della scorsa settimana Roma ha accolto il Populus Summorum Pontificum per l’ormai abituale pellegrinaggio annuale ad Petri Sedem: il devoto cammino dei fedeli, provenienti da ogni parte … Continua a leggere
  • Mons. Viganò e l’ora del giudizio
    (di Roberto de Mattei) Nel clima di silenzio e addirittura di omertà che regna nella Chiesa è ancora una volta risuonata la voce dell’arcivescovo Carlo Maria Viganò che, replicando al cardinale Marc Ouellet, ha ribadito che lo scandalo McCormick, è … Continua a leggere
  • Mons. Pope in sostegno a mons. Viganò
    Riportiamo la lettera aperta che mons. Charles Pope, parroco della Chiesa di Holy Comforter-Saint Cyprian di Washington, ha scritto in sostegno al terzo documento di mons. Carlo Maria Viganò (http://www.ncregister.com/blog/msgr-pope/reflections-on-archbishop-viganos-courageous-third-letter). Mons. Pope in sostegno a mons. Viganò was last modified: … Continua a leggere
  • Radici e frutti della vera santità: san Francesco Marto
    (di Cristina Siccardi) Il titolo della XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi (3-28 ottobre) è I giovani, la fede e il discernimento vocazionale. I giovani sempre meno scelgono il sacerdozio, la consacrazione religiosa e il sacramento del matrimonio. … Continua a leggere