Lettera della Fraternità Sacerdotale San Pio X ai Vescovi e ai Superiori della Fraternità

(su UnaVox) Eccellenze, Signori Superiori,

come sapete il nostro Superiore generale aveva risposto alla lettera del Card. Levada del 16 marzo, che tentava di imporre il Preambolo dottrinale del 14 settembre 2011. Con questo documento, datato 15 aprile, egli voleva uscire dal ginepraio creato da questo Preambolo. Secondo diverse voci concordanti, il nuovo testo sembrava soddisfare il Sommo Pontefice.

Il 13 giugno 2012, il Card. Levada ha riconsegnato al nostro Superiore generale il suo testo dello scorso aprile, ma emendato in modo tale che, in sostanza, vengono riprese le proposizioni del settembre 2011. Mons. Fellay gli ha subito fatto sapere che non poteva firmare questo nuovo documento, chiaramente inaccettabile. Il prossimo Capitolo permetterà di fare il punto sull’insieme del dossier.

Peraltro, informo tutti membri del Capitolo che, in virtù del Canone 2331 ¶ 1 e 2 (n.c. 1373), il Superiore generale ha privato dell’ufficio di capitolante Mons. Williamson, per le sue prese di posizione che chiamano alla ribellione e per la sua disobbedienza continuamente ripetuta. Gli ha anche vietato di recarsi ad Ecône per le ordinazioni.

Infine, Mons. Fellay ha deciso di differire le ordinazioni dei religiosi Domenicani di Avrillé e Cappuccini di Morgon, previste per il prossimo 29 giugno a Ecône. Questo procrastinare le ordinazioni gli è stato semplicemente dettato dalla preoccupazione di assicurarsi della lealtà di queste comunità, prima d’imporre le mani sui loro candidati (cfr. I Tim. 5, 22).

Vi prego di credere, Eccellenze, Signori Superiori, alla mia rispettosa e fedele devozione sacerdotale.

Abbé Christian Thouvenot

Donazione Corrispondenza romana