Le elezioni regionale cambiano lo scenario politico

elezioni(di Danilo Quinto) Il centrodestra asfaltato. Questo è il dato più inquietante, ma non inatteso, delle elezioni regionali che si sono svolte in Calabria e in Emilia Romagna. Il secondo, di conseguenza, è che al dominio del “Partito della Nazione” di Matteo Renzi, non esiste opposizione. Sta per scomparire – nei consensi dell’elettorato – anche la pseudo-opposizione del Movimento di Grillo (13,3% in Emilia-Romagna e 8,7% in Calabria).

Che ha dimostrato, in questo anno e mezzo di presenza parlamentare, la sua totale inconsistenza politica. Il terzo dato riguarda l’astensionismo: il dato è clamoroso in Emilia Romagna, dov’è andato a votare il 37,7%, contro il 68,1% delle elezioni di 5 anni fa e il 70% delle europee; è più contenuto in Calabria, dove ha votato il 43,8% degli aventi diritto, contro il 59% del 2010 e il 45,8% delle europee. Ha votato meno di 1 elettore su 2 in entrambe le regioni, entrambe colpite, nei mesi scorsi, da inchieste giudiziarie che hanno riguardato i loro presidenti uscenti.

Ormai, il fenomeno della disaffezione nei confronti della politica – che sembra aver perso in maniera definitiva qualsiasi ancoraggio, non diciamo al bene comune, ma anche solo alla corretta interpretazione dei bisogni delle persone – è dilagante. Sembra irrisolvibile. Fa da controtendenza l’exploit della Lega di Matteo Salvini, che con il successo ottenuto in Emilia Romagna – dove ha raddoppiato i voti ottenuti da Forza Italia – riesce ad ottenere un consenso, fortemente radicato territorialmente e ancorato a temi che evidentemente sono cari all’elettorato moderato: la politica europea, legata ad una moneta unica che ha concorso in maniera determinante ad una crisi economica che sembra non avere più fine; l’immigrazione, con un approccio ragionevole, che non rifiuta l’apporto dei lavoratori stranieri regolari, ma respinge l’apertura “accogliente” e sconsiderata che molti operano; la sicurezza, che è un diritto ignorato dei cittadini; la difesa dei principi che sono alla base della famiglia costituita da un uomo e una donna.

Una politica intelligente, quella di Salvini, che verte su poche cose essenziali, che si esprime in modo chiaro, forse anche ripetitivo, ma sicuramente efficace. D’altra parte, non si possono triplicare i voti nell’arco di qualche mese, prescindendo da una solidità d’impostazione, che appare in sintonia con le esigenze che avvertono gli elettori. Il successo di Salvini dimostra che esiste un elettorato moderato – o, se si preferisce, di centrodestra – che si vuole contrapporre al partito del Presidente del Consiglio e non vuole rinunciare ad una rappresentanza.

Ed ha ragione Salvini a ritenere che il successo in Emilia Romagna – la regione “rossa” per eccellenza – può aprire per il suo partito uno scenario impensabile solo un anno fa: l’estensione del consenso su tutto il territorio nazionale. Non solo. Quel successo – oltre a far emergere l’ipotesi di una nuova leadership per il centrodestra – dimostra anche non vengono premiati né gli accordi di componenti del centrodestra con il PD, che sono la regione di esistenza del Nuovo Centro Destra, né gli accordi “esterni” fatti da Berlusconi con il “patto del Nazzareno”, che annacquano l’identità del maggior partito di centrodestra e non ha nulla da contrapporre al “nuovo” che avanza sempre più.

Il centrodestra, in questi mesi, si è dissolto più per la propria volontà che per la forza di Renzi. Vero è che si è trattato di elezioni regionali, ma è un risultato che conferma l’esito delle europee. Il Partito di Renzi si avvia – così stando le cose – a sbaragliare il campo e a conquistare la maggioranza assoluta degli aventi diritto alle elezioni politiche, che prima o poi ci saranno. E con questi “chiari di luna”, non è detto che il Presidente del Consiglio non ci faccia un serio pensierino. (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • L’Italia cambia, ma Mattarella non se ne accorge
    (di Roberto de Mattei) Domenica 27 maggio il prof. Giuseppe Conte, incaricato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella di formare un governo, si è presentato al Palazzo del Quirinale per presentare la lista dei suoi ministri, frutto di un intenso … Continua a leggere
  • Elezioni 2018: vincitori e vinti
    (di Lupo Glori) Boom della “Lega” e del “Movimento 5 Stelle” (M5s), contenuta crescita di “Fratelli di Italia”, forte calo di “Forza Italia” e storico tracollo del “Partito Democratico”. Il ciclone “Burian”, dopo essersi abbattuto sulle strade del nostro paese … Continua a leggere
  • Condannato Danilo Quinto, promossa Emma Bonino?
    (di Emmanuele Barbieri) Il 22 febbraio, se non ci saranno ulteriori rinvii, Danilo Quinto, sarà processato per diffamazione a mezzo stampa. Quinto, ex tesoriere del Partito Radicale, è autore di un libro dal titolo Da servo di Pannella a figlio … Continua a leggere
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere