La vera carità spiegata da papa san Sotero

(di Lorenzo Benedetti) San Sotero resta oggi un Papa poco conosciuto, sebbene abbia fatto della misericordia un segno distintivo del suo pur poco documentato pontificato, tanto da essere ricordato dai posteri come “il papa della carità”. Figlio di Concordio e nativo di Fondi, nel Lazio, Sotero era originario della Grecia come si evince dal nome, che in greco significa “salvatore”.

Le notizie intorno a questo pontefice, il 12° vescovo di Roma, sono in effetti molto poche e ci sono state tramandate nel Liber Pontificalis, un elenco dei Papi risalente al IV secolo, fonte primaria per conoscere la storia della Chiesa delle origini: eletto al soglio petrino nel 167, guidò i cristiani di Roma durante un periodo reso difficile e turbolento dalle persecuzioni dell’imperatore Marco Aurelio (161-180) e dal diffondersi del Montanismo, un’eresia della Frigia, il cui diffusore, Montano, sosteneva di avere visioni profetiche dettate dallo “Spirito Santo”.

Operò diverse riforme nel Rito, proibendo alle donne di toccare patena e calice e dichiarando validi solo i matrimoni celebrati da un sacerdote. Ma l’atto più celebre e importante del suo pontificato fu la raccolta di fondi che indisse a favore della Chiesa di Corinto, allora retta dal vescovo Dionigi, la quale si trovava in grave necessità economica: la lettera di Sotero che accompagnava l’offerta è andata perduta, ma si è conservata quella di ringraziamento di San Dionigi, citata dallo storico Eusebio di Cesarea (265-340) nella sua Historia Ecclesiastica, altra opera fondamentale per conoscere l’epoca paleocristiana.

«Avete ereditato dagli avi l’usanza di prendervi cura in vario modo di tutti i fratelli, e di inviare aiuti a molte Chiese presenti in ogni città; avete alleviato così le sofferenze dei bisognosi e siete venuti incontro ai fratelli condannati ai lavori forzati nelle miniere con quei sussidi che voi, o Romani, inviate da sempre, secondo l’usanza dei vostri padri; E il vostro beato vescovo Sotero l’ha non solamente conservata, ma anche incrementata; egli li ha beneficiati con gli aiuti inviati ai santi ed esortando i fratelli con parole di beatitudine, come fa un padre affettuoso con i figli»: con queste parole, il vescovo di Corinto sottolinea sia la preminenza della Chiesa di Roma, che soccorre le Chiese figlie in un’epoca in cui non si era ancora affermato il primato della sede romana, sia la carità cristiana che ha profondamente segnato il pontificato di san Sotero, animato dall’amore di padre verso i fratelli sull’esempio del Vangelo. (Lorenzo Benedetti)

Donazione Corrispondenza romana
  • La riabilitazione di un ribelle: don Lorenzo Milani
     (di Mauro Faverzani) Papa Francesco ha reso omaggio a don Lorenzo Milani a Barbiana in occasione del cinquantesimo anniversario della sua morte. Ma Pier Luigi Tossani, un cattolico toscano di 62 anni, ha rivolto via web una supplica al Papa … Continua a leggere
  • Il Sacro Cuore di Gesù pulsa per la nostra salvezza
    (di Cristina Siccardi) Che cos’è il tempo per Dio e per la Sua Chiesa? Un mezzo. E come tale deve essere considerato anche dai credenti in Cristo. Non sappiamo per quanto tempo permarranno gli scandali dottrinali e morali in cui … Continua a leggere
  • Lo scandalo del silenzio
    I quattro cardinali, autori dei “dubia” concernenti l’Esortazione Amoris laetitia, hanno reso nota, attraverso il blog del vaticanista Sandro Magister, una richiesta di udienza che il cardinale Carlo Caffarra ha presentato al Papa lo scorso 25 aprile ma che, come … Continua a leggere
  • Il piano di “reinterpretazione” della Humanae vitae
    (di Roberto de Mattei) Sarà mons. Gilfredo Marengo, docente al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II, il coordinatore della commissione nominata da papa Francesco per “reinterpretare”, alla luce della Amoris laetitia, l’enciclica Humanae Vitae di Paolo VI, in occasione del cinquantenario … Continua a leggere
  • Il significato profondo della festa del Corpus Domini
    (di Cristina Siccardi) La festa del Corpus Domini è alle porte, ma quanti ancora comprendono in profondità questo sublime miracolo d’amore? Il significato profondo della festa del Corpus Domini was last modified: giugno 14th, 2017 by redazione
  • L’inferno nell’arte cristiana
    (di Cristina Siccardi) Nella storia dell’arte cristiana, unica arte iconica fra le religioni monoteiste (in quella protestante, ebraica, islamica la figurazione è rigettata a priori), la rappresentazione del destino ultimo dei dannati è sempre stato un dato di fatto. Committenti … Continua a leggere
  • Shakespeare su AmLaet (Amorislaetitia)
    (di Irenaeus) L’omofonia tra l’abbreviazione (AmLaet) dell’esortazione postsinodale Amoris Laetitiae e il shakespeariano principe danese Amleto, nell’originale Hamlet[1], richiama la memoria sulla situazione di adulteri o ivi sceneggiata. Dramma che rappresenta innanzitutto il confronto con la propria coscienza morale che … Continua a leggere
  • “La Russia sarà cattolica”
    (di Roberto de Mattei) “La Russia sarà cattolica”: è questa l’iscrizione che fu apposta sulla tomba del padre Gregorio Agostino Maria Šuvalov nel cimitero di Montparnasse a Parigi. Per questa causa il barnabita russo si immolò come vittima (Antonio Maria … Continua a leggere
  • Fatima e il comunismo, 100 anni dopo
    (di Cristiana de Magistris) «Se Dio ci desse di Sua mano dei maestri, oh! come bisognerebbe obbedir loro di buon grado! La necessità e gli avvenimenti lo sono innegabilmente». Fatima e il comunismo, 100 anni dopo was last modified: maggio … Continua a leggere
  • Fatima. Un appello al cuore della Chiesa
    (di Cristina Siccardi) «Crediamo di essere sopravvissuti perché stavamo vivendo il messaggio di Fatima. Vivevamo e recitavamo il Rosario quotidianamente in quella casa». È la straordinaria testimonianza di alcuni Gesuiti che sono sopravvissuti all’ecatombe della bomba atomica di Hiroshima del … Continua a leggere