La “stabilità” non c’entra con il bene comune

stabilità(di Danilo Quinto) I “venti della crisi” di Governo sono stati anticipati, qualche giorno fa, dal Presidente dei Vescovi italiani. Il Cardinale Bagnasco ha messo in guardia: «Ogni atto irresponsabile, da qualunque parte provenga, passerà al giudizio della storia».

Scomodare il giudizio della storia in  rispetto ad atti che fanno parte della povera cronaca politica di questi anni. In nome di che cosa? Della “stabilità”, come ha chiarito monsignor Crociata, il Segretario dei Vescovi. Si “alza la voce” per difendere una questione astratta, che nulla ha a che fare con la realtà. Nulla ha fatto il Governo delle “larghe intese” sul piano delle riforme e su quello della ripresa. Tutti gli indicatori economici sono peggiorati, in perfetta continuità con il Governo precedente, quello presieduto da Mario Monti, anch’egli sostenuto dalla Cei. A noi non pare che questa posizione significhi tenere presente il bene comune.

C’è anche da tener presente che difendere in modo così accanito la “stabilità” rappresentata da questo Governo, significa stare dalla parte di chi non ha espresso alcuna posizione contro la legge più aberrante espressa dal Parlamento negli ultimi decenni. La legge sull’omofobia, approvata dalla Camera, rappresenta un vulnus irrimediabile nei confronti della libertà di espressione e della libertà religiosa e questo Governo si è disinteressato di questa questione. Né la Conferenza Episcopale Italiana ha inteso sottolineare quest’aspetto, che è decisivo per chi da cattolico – come chiede giustamente Papa Francesco – deve occuparsi di politica. Sappiamo che la deriva relativista, fomentata e sostenuta da lobby potenti, come quella omosessuale usa anche i silenzi di chi dovrebbe “gridare dai tetti” per affermarsi. Sappiamo anche che la Provvidenza agisce sempre e se con la caduta di questo Governo, “spazzerà via” anche questo Parlamento e la legge che ha approvato in un suo ramo, non ce ne dorremo.

In Argentina, grazie ad una legge del maggio scorso, un essere umano di sei anni, nato maschio, ha ottenuto che nella sua carta d’identità fosse scritto un nome femminile. Tale si era sentita da sempre, ha raccontato la mamma di Manuel, che ora si chiama Lulù. In base alla legge di genere, i trattamenti medici di cui avrà bisogno, saranno pagati dallo Stato. Ecco, uno Stato che impone questo tipo di leggi, è uno Stato anti-umano. Non è lo spread a minare il bene comune. Sono queste leggi, a seppellirlo. E così avverrebbe in Italia se fossimo ancora guidati da un Governo che non si schiera contro la legge sull’omofobia, contro il matrimonio tra persone dello stesso sesso, contro l’adozione di bambini da parte degli omosessuali, contro l’eutanasia e contro tutte quelle proposte che stravolgono l’antropologia. Possibile che su questo terreno i Vescovi – eccetto alcuni – non abbiano nulla da indicare? (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • L’Italia cambia, ma Mattarella non se ne accorge
    (di Roberto de Mattei) Domenica 27 maggio il prof. Giuseppe Conte, incaricato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella di formare un governo, si è presentato al Palazzo del Quirinale per presentare la lista dei suoi ministri, frutto di un intenso … Continua a leggere
  • Elezioni 2018: vincitori e vinti
    (di Lupo Glori) Boom della “Lega” e del “Movimento 5 Stelle” (M5s), contenuta crescita di “Fratelli di Italia”, forte calo di “Forza Italia” e storico tracollo del “Partito Democratico”. Il ciclone “Burian”, dopo essersi abbattuto sulle strade del nostro paese … Continua a leggere
  • Condannato Danilo Quinto, promossa Emma Bonino?
    (di Emmanuele Barbieri) Il 22 febbraio, se non ci saranno ulteriori rinvii, Danilo Quinto, sarà processato per diffamazione a mezzo stampa. Quinto, ex tesoriere del Partito Radicale, è autore di un libro dal titolo Da servo di Pannella a figlio … Continua a leggere
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere