La richiesta si allarga: “Marino, dimettiti!”

ignazio-marino-dimettiti1(di Danilo Quinto) Sopiti i clamori di qualche giorno fa – dovuti alla seconda fase dell’inchiesta “Mafia Capitale”, che anche ieri ha avuto i suoi arresti – la richiesta di dimettersi al Sindaco di Roma, Ignazio Marino, è scomparsa dalle prime pagine dei giornali e dai Tg. Il suo “protettore politico”, Matteo Renzi – che ha solo l’obiettivo di evitare lo svolgimento di elezioni anticipate nella capitale, perché le teme – ha difeso a spada tratta un Sindaco che sarà ricordato solo per le sue reiterate e improvvide iniziative a favore del matrimonio tra coppie omosessuali, tanto care anche al suo mentore e che si è dimostrato il peggior Sindaco della storia della capitale.

Eppure, la storia di “Mafia Capitale” intacca profondamente non solo gli anni precedenti la gestione Marino, ma quelli attuali. Ieri, al Comune di Roma si votava la sostituzione temporanea dei quattro consiglieri coinvolti nell’inchiesta. Una “vittoria” per Marino, che ha risposto con sorrisi, applausi e baci ai consiglieri del Movimento 5 Stelle che gridavano «Tutti a casa», «Buffoni», «Dimettiti», «Onestà».

C’è chi ritiene che la mafia a Roma non esista, che si tratti di un caso montato ad arte, che ha riguardato piccoli appalti, che la mafia non è a Roma, ma al Nord. Nulla di più falso e di grossolano, se si legge l’ordinanza del dicembre scorso della Procura di Roma, nella quale si sostiene che “Mafia Capitale” si deve ricondurre all’art. 416bis del codice penale, perché si avvale del metodo mafioso: «Il metodo mafioso viene descritto nella fattispecie attraverso il riferimento alla forza di intimidazione del vincolo associativo e alle condizioni di assoggettamento e di omertà di cui gli associati si avvalgono (…) L’associazione ha conseguito in concreto, nell’ambiente circostante nel quale essa opera, un’effettiva capacità di intimidazione, sino ad estendere intorno a sè un alone permanente di intimidazione diffusa». (…).

Saranno i gradi di giudizio a stabilire il fondamento di quest’impostazione, peraltro confermata dalle motivazioni dei giudici della Corte di Cassazione, che il 10 aprile scorso rigettarono i ricorsi di numerosi personaggi coinvolti nell’indagine con una motivazione nettissima: «Quella che emerge dagli atti dell’inchiesta è un’associazione di stampo mafioso». Del resto, i testi e i video delle intercettazioni diffuse, oltre ai riscontri che sono emersi, convergono ampiamente a considerare coerente la decisione dei giudici.

Se così è – e fino a prova del contrario – non si può non prendere atto dei legami solidissimi che quest’organizzazione ha avuto non con alcuni settori della politica, ma con un intero sistema, che appare al servizio della legalità. Dagli elementi obiettivi che sono emersi, si deduce chiaramente che nulla si poteva fare a Roma – neanche i lavori di ristrutturazione della Sala del Campidoglio – senza venire a patti con “Mafia Capitale”, che poteva contare, in base a quello che raccontano le cronache, perfino di una “talpa” al Quirinale. Per non parlare degli appalti pubblici – quasi al 100% inquinati – del cosiddetto “welfare sociale”, un mondo potentissimo nel nostro Paese e dell’enorme business legato al settore dell’immigrazione.

Se così stanno le cose, che senso ha continuare un’esperienza fallimentare come quella dell’amministrazione guidata da Ignazio Marino, che sotto i suoi occhi ha visto il rafforzarsi di legami strettissimi tra la politica e personaggi che ungendo i loro contatti e così si esprimevano: «una mano lava l’altra e tutte e due lavano il viso». Si può attendere che il Prefetto di Roma concluda la sua inchiesta relativa allo scioglimento dell’Amministrazione, con relativo commissariamento, mentre c’è un Sindaco che vede dissolvere la sua giunta non per l’influenza primaverile, ma per le decisioni della magistratura? (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Non teppismo, ma odio religioso: con le statue, crolla un tabù
    Alla fine è stato chiamato per ciò che è: «vilipendio alle istituzioni religiose con l’aggravante dell’odio religioso». Non vandalismo, non teppismo, non una “bravata” e neanche una “ragazzata”, bensì «vilipendio alle istituzioni religiose con l’aggravante dell’odio religioso». E con questa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • Il gay village si trasforma in college per diffondere il gender
    (di Alfredo De Matteo) Prosegue senza soluzione di continuità l’opera demolitrice dell’ordine naturale da parte delle lobby gay, che lungi dall’accontentarsi dei risultati ottenuti a livello giuridico puntano dritto verso il loro principale obiettivo: giungere alla completa normalizzazione del comportamento … Continua a leggere
  • L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere
  • Il tradimento storico dei “cattolici”
    (di Roberto de Mattei) L’approvazione dello pseudo-matrimonio omosessuale, avvenuta al Senato il 25 febbraio 2016, con 173 sì, 71 no e 76 assenze è l’ultima tappa di un processo di dissoluzione della società italiana che parte dall’introduzione del divorzio (1970), … Continua a leggere
  • La terza guerra mondiale
    (di Roberto de Mattei – pubblicato su Radici Cristiane – n.108 – ottobre 2015 ) Papa Francesco, tornando dal suo viaggio in Corea l’8 agosto dello scorso anno, ha affermato che «siamo già entrati nella Terza guerra mondiale, solo che si combatte … Continua a leggere