La posta in gioco delle riforme

La posta in gioco delle riforme(di Danilo Quinto) La sentenza della Corte d’Appello di Milano sul “Caso Ruby” – che ha cancellato a Silvio Berlusconi una condanna a sette anni comminata in primo grado – ha un effetto immediato sul piano politico: l’accelerazione delle riforme sul nuovo Senato e sulla legge elettorale, in base agli accordi presi con il cosiddetto “Patto del Nazareno”, siglato dal Presidente del Consiglio e dal leader di Forza Italia all’inizio dell’anno.

Avrà anche altre due conseguenze, sempre politiche: la prima riguarda il rapporto tra Movimento Cinque Stelle e Renzi, che non avrà più la necessità di “strizzare l’occhio” a Grillo; la seconda attiene alla “rinascita” politica di Berlusconi, che tutti – o quasi – davano per politicamente finito proprio in previsione di una sentenza negativa. Le carte, invece, si sono completamente ribaltate, solo apparentemente a favore di Berlusconi.

In realtà, quella sentenza consolida il potere di Matteo Renzi, che proprio grazie a quel patto, ha potuto “scalare” la Presidenza del Consiglio, sfilandola ad Enrico Letta, ha conseguito alle elezioni europee un risultato storico per il Partito Democratico – superiore a qualsiasi risultato ottenuto dal PCI di Togliatti o di Berlinguer – che molti sondaggi danno in crescita esponenziale, fino a paventare l’avvicinamento al 50% dei consensi.

L’Italia di Renzi (e di Berlusconi) si avvia, quindi, a riformare le sue Istituzioni, attraverso la discussione sul ddl del Ministro Boschi sulla riforma costituzionale del Titolo V, la successiva riforma del Senato e la nuova legge elettorale. Tempo qualche settimana, dice Renzi, il Paese avrà un “vestito nuovo”. Mentre l’ANCI strepita («è inadeguato il numero dei sindaci previsto nel nuovo Senato delle Regioni e non è corretto il metodo di elezione che passa attraverso i Consigli regionali»), ha dichiarato il suo presidente, Piero Fassino, la «posta in gioco» sembra a portata di mano.

Di quale «posta in gioco» si tratta? La riforma del Senato è solo un passaggio. In tutta fretta, si è passati dalla sua proclamata abolizione – in nome dei costi della politica, che sono ben altri e riguardano l’elefantiaco apparato delle Regioni – ad una elezione diretta da parte dei cittadini, con funzioni e poteri che ne farebbero, come dichiarato pubblicamente, un «organo di garanzia e di controllo» sulla Camera.

Un pasticcio, insomma, testimoniato dagli 8mila emendamenti presentati dalle opposizioni (Sel innanzitutto, insieme alla Lega e al M5S) sulla legge che sarà discussa ai primi di agosto, che potrebbero essere superati se si trovasse un accordo su quel che davvero interessa ad una parte delle opposizioni e alle piccole formazioni che fanno parte della maggioranza, come il Nuovo Centro Destra: garantire la loro sopravvivenza politica, puntando alla diminuzione della soglia di sbarramento per l’entrata in Parlamento: 4%, 8% e 12%, a seconda che si presentino da soli o coalizzati. Interessi di mera “bottega”, che portano a ritenere plausibile l’ipotesi che se le “soglie” si abbassassero, se vi fosse un’apertura alle preferenze e se si alzasse il premio di maggioranza dal 37 al 40%, la riforma elettorale sarebbe cosa fatta, se non prima della pausa estiva, a metà settembre.

E poi? I problemi sul tappeto – a cominciare da una “manovra lacrime e sangue” di 20 miliardi prevista per l’autunno, per garantire il pareggio – rimarrebbero intatti, ma le riforme sarebbero finalmente realizzate e grazie a quel patto scellerato con Berlusconi, Matteo Renzi governerà il paese per i prossimi vent’anni. Gli basterà ancora “rottamare” un po’ qua e un po’ là – l’abilità e la scaltrezza non gli mancano – per far credere di aver “salvato” il Paese. Tutti gli crederanno. Non è lui, l’ultima carta dell’Italia? (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • Il “matrimonio gay” è legge. Uno scandalo pubblico senza precedenti
    (di Lupo Glori) Mercoledì 11 maggio l’Aula della Camera ha dato il via libera definitivo al disegno di legge dal titolo Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze, meglio conosciuto come “ddl Cirinnà”, dal … Continua a leggere
  • L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere
  • Il tradimento storico dei “cattolici”
    (di Roberto de Mattei) L’approvazione dello pseudo-matrimonio omosessuale, avvenuta al Senato il 25 febbraio 2016, con 173 sì, 71 no e 76 assenze è l’ultima tappa di un processo di dissoluzione della società italiana che parte dall’introduzione del divorzio (1970), … Continua a leggere
  • L’accordo sulle unioni omosessuali tra Renzi ed Alfano
    (di Lupo Glori) Martedì 23 febbraio, al termine di una lunga riunione a Palazzo Madama fra i senatori del Pd e Matteo Renzi, è arrivato il via libera al maxiemendamento del governo sulle Unioni civili, frutto dell’accordo con il leader … Continua a leggere