La leadership di Matteo Salvini

 

matteo salvini(di Danilo Quinto) Dedicare, come si è fatto, commenti e editoriali al solo tema della presenza di militanti di Casa Pound alla manifestazione della Lega che si è svolta a Roma sabato scorso – dando invece rilevanza a quella dei movimenti “antagonisti” che ad essa si è contrapposta ‒ significa una cosa sola: non guardare ai problemi reali che quell’evento ha posto. Sono di duplice aspetto: di contenuto e di prospettiva politica.

Per quanto riguarda i primi, se si usa un metro equilibrato di giudizio non si può non convenire sul fatto che con la “parola d’ordine” di quella manifestazione – «Renzi a casa» – la Lega non fa altro che sottolineare un ruolo politico che si è conquistato “sul campo”. È stato l’unico soggetto politico – fatta eccezione per la sterile e ormai irrilevante presenza parlamentare del “Movimento 5 Stelle – che nell’ultimo anno ha saputo condurre un’opposizione chiara e decisa al “Partito della Nazione” del Presidente del Consiglio, costituendo un argine alla sua avanzata nel campo moderato.

C’è chi afferma che il ruolo che la Lega si è ritagliato – secondo i sondaggi si attesta intorno al 15% dei consensi – potrebbe essere funzionale all’egemonia di Renzi, al quale andrebbe pure bene un competitor con caratteristiche populiste ed estremiste. Può anche essere che così sia. Resta il fatto che il Presidente del Consiglio dovrà dimostrare in elezioni “vere” – non quelle europee, dove ha incassato un 40% che considerando la percentuale delle astensioni corrisponde a poco più del 25% ‒ se è in grado di dare risposte concrete alle questioni che il Paese vive.

Da questo punto di vista, non c’è alcun dubbio che Matteo Salvini, nel suo tentativo, avviato con successo, di rendere il suo Partito una forza da spendere sul piano nazionale – la Lega è accreditata attualmente del 20% al Nord, del 10% al Centro e addirittura del 6% al Sud – proponga soluzioni a problemi reali.

Al di là delle interpretazioni che si vogliono dare sull’anti-europeismo della Lega e sulla sua avversione alla moneta unica, non viene affrontata la questione di fondo: affidare le sorti di un Paese ad una burocrazia bancaria e finanziaria che ne limita fortemente la sovranità e con le sue politiche di austerità per tutti e di privilegi per pochi, ha inciso in maniera forse irreparabile sulla povertà e sulla disoccupazione di ampi strati della popolazione europea. Così come avviene sul proposito di Salvini di eliminare la legge Fornero sul sistema pensionistico ‒ una delle leggi più scellerate della storia repubblicana – o sulle proposte sull’immigrazione, rispetto alla quale la posizione della Lega non è solo ragionevole, ma è di governo della realtà, soprattutto se si guarda al rischio che l’Islam rappresenta per l’intera Europa.

Un rischio ritenuto irrilevante dal resto del panorama politico – abituato ad usare le “belle parole” dell’accoglienza e dell’integrazione – ma evidentemente condiviso dalla maggior parte dei cittadini del nostro Paese, che Salvini ha saputo riconoscere e al quale ha dato dignità politica.

Resta da affrontare il problema della prospettiva. È in grado Salvini – nell’attuale contesto – di acquisire la leadership di un centrodestra in evidente crisi? Ilvo Diamanti, in un editoriale su “Repubblica”, lo definisce «agile, abile e determinato», ma non in grado di essere protagonista di quest’operazione. Su un altro versante, Marcello Veneziani, sostiene che di Salvini gli «interessa la pars destruens, la demolizione del vecchio edificio. Per costruire ci vorranno anche altri interlocutori». Il problema è proprio questo: esistono e chi sono gli interlocutori di Salvini? E se fossero “solo” i cittadini che una volta o l’altra – dopo tutta questa “sfilata” di grandi e meravigliose riforme ‒ dovranno pur essere chiamati a votare? (Danilo Quinto)

 

Donazione Corrispondenza romana
  • Perché Famiglia Cristiana e la CEI sono contro Salvini?
    (di Niccodemo Graber) La copertina di Famiglia Cristiana che equipara il ministro degli Interni Matteo Salvini a Satana è solo il più pesante dei tanti attacchi che la Lega e il nuovo governo subiscono ad opera dell’ufficialità clericale italiana. Ormai … Continua a leggere
  • L’Italia cambia, ma Mattarella non se ne accorge
    (di Roberto de Mattei) Domenica 27 maggio il prof. Giuseppe Conte, incaricato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella di formare un governo, si è presentato al Palazzo del Quirinale per presentare la lista dei suoi ministri, frutto di un intenso … Continua a leggere
  • Elezioni 2018: vincitori e vinti
    (di Lupo Glori) Boom della “Lega” e del “Movimento 5 Stelle” (M5s), contenuta crescita di “Fratelli di Italia”, forte calo di “Forza Italia” e storico tracollo del “Partito Democratico”. Il ciclone “Burian”, dopo essersi abbattuto sulle strade del nostro paese … Continua a leggere
  • Condannato Danilo Quinto, promossa Emma Bonino?
    (di Emmanuele Barbieri) Il 22 febbraio, se non ci saranno ulteriori rinvii, Danilo Quinto, sarà processato per diffamazione a mezzo stampa. Quinto, ex tesoriere del Partito Radicale, è autore di un libro dal titolo Da servo di Pannella a figlio … Continua a leggere
  • Il ritorno in patria dei Re d’Italia
    «Riportiamo in patria i Re d’Italia» titolava Corrispondenza Romana il 22 luglio 2015 (https://www.corrispondenzaromana.it/riportiamo-in-patria-gli-ultimi-re-ditalia/). Infatti, dopo l’attentato al Consolato italiano in Egitto, Maria Gabriella di Savoia, da sempre fedele custode della memoria del suo Casato (nel 1986 creò la Fondazione … Continua a leggere
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Non teppismo, ma odio religioso: con le statue, crolla un tabù
    Alla fine è stato chiamato per ciò che è: «vilipendio alle istituzioni religiose con l’aggravante dell’odio religioso». Non vandalismo, non teppismo, non una “bravata” e neanche una “ragazzata”, bensì «vilipendio alle istituzioni religiose con l’aggravante dell’odio religioso». E con questa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere