La grande mistificazione

contro-politici(di Danilo Quinto) Anche Papa Francesco si è unito alla vulgata contro la politica che ha dilagato in questi anni. Subito dopo l’ultimo scandalo, quello del Mose di Venezia, in un’omelia a Santa Marta ha affermato che «è tanto facile entrare nelle cricche della corruzione», criticando «quella politica quotidiana del ‘do ut des’» per la quale «tutto è affari». «Quante ingiustizie! Quanta gente che soffre per queste ingiustizie!», ha aggiunto.

È un dato di fatto che la politica si sia ridotta negli ultimi decenni ad amministrare, per conto di pochi, comitati d’affari e, attraverso i suoi legami con la burocrazia e con l’imprenditoria rampante, con le lobby di potere e sottopotere e con le società di comodo, a malversare la finanza pubblica. Non sono, d’altra parte, solo le grandi opere, come l’EXPO o il Mose o le ricostruzioni post-terremoto – stando a quello che emerge dalle inchieste giudiziarie – a costituire un business di dimensioni colossali, rispetto al quale rappresentano una briciola i tre miliardi di denaro pubblico di rimborsi elettorali che i partiti in vent’anni si sono spartiti.

Al business concorrono la maggior parte degli appalti e dei subappalti che vengono decisi dalle amministrazioni centrali e periferiche. Non ci sono leggi che tengano. Né inchieste giudiziarie che possano costituire da deterrente. Né esempi di buona amministrazione che vengono imitati. Si sprecano perfino i manuali che descrivono come praticare la spartizione. Il tumore è diventato metastasi.

Sarebbe interessante, oltre che istruttivo, istituire una commissione d’inchiesta parlamentare su come i partiti hanno funzionato negli ultimi vent’anni, anche per verificare se c’è davvero bisogno di 1 milione e 300 mila persone che vivono direttamente o indirettamente di politica, se uno Stato può accollarsi l’onere di un costo complessivo della politica di quasi 7 miliardi di euro l’anno, se sono necessari oltre 7.000 enti strumentali, consorzi, aziende, fondazioni, società, agenzie, autorità, che occupano circa 24.000 componenti nei vari Consigli di Amministrazione. Proprio queste cifre – i numeri della metastasi – stanno a dimostrare che esiste, nella malversazione del denaro pubblico, un connubio strettissimo tra politica e cosiddetta società civile, che usufruisce di benefici enormi da questa politica.

La grande mistificazione che è stata propinata in questi anni è stata proprio quella di distinguere la politica – disonesta – dalla società civile – onesta. Sono 70, ogni anno, i miliardi stimati come prodotto della corruzione e 140, sempre all’anno, i miliardi che derivano dall’attività della criminalità. Questo denaro viene riconvertito in denaro pulito e rimesso sul mercato. Chi fa questo mestiere? Lo fanno i politici o le banche, in concorso con buona parte della società civile? Se a questi dati aggiungiamo che l’economia sommersa in Italia pesa per il 18% del Pil e che solo per quel che riguarda l’Iva e l’Irap, l’evasione ammonterebbe a 50 miliardi di euro, è legittimo chiedersi se le responsabilità della metastasi italiana siano da attribuire solo alla politica.

D’altra parte, la riprova di tutto ciò, la si è avuta proprio alle ultime elezioni. Beppe Grillo – che in questi anni ha cavalcato in maniera sconsiderata l’antipolitica – quando è andato a “Porta a Porta”, ha evocato il processo ai politici. Da imbonitore qual è, ha sparato nel mucchio e ha perso buona parte del consenso che aveva ottenuto solo un anno prima. Forse perché una parte consistente di chi ascoltava ha avuto paura e si è resa conto che un’eventuale processo riempirebbe tutti gli stadi di questo disgraziato paese, che può essere salvato solo da una profonda e seria rivoluzione di carattere morale. Non basterà di certo una generazione per realizzarla, perché è tutto da ricostruire. (Danilo Quinto)

Donazione Corrispondenza romana
  • Ius soli o Ius sanguinis?
    (di Lupo Glori) Ius soli o Ius sanguinis? Questa l’accesa, e a tratti violenta, diatriba politica che negli ultimi giorni ha infiammato il dibattito pubblico, dopo l’approdo al Senato del disegno di legge, approvato alla Camera alla fine del 2015 … Continua a leggere
  • Appello di Famiglia Domani contro il Ministro Fedeli
    (di Lupo Glori) A soli cinque giorni di distanza dalle dimissioni di Matteo Renzi, il 12 dicembre 2016 è nato il nuovo governo a guida dell’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, con il quale il premier battuto e ferito consuma … Continua a leggere
  • La disfatta di un premier sedicente cattolico
    (di Mauro Faverzani) Le parole hanno un senso. E quelle del commiato di Renzi ne hanno uno chiarissimo: «Lasciamo la guida del Paese con un’Italia che ha finalmente una legge sulle unioni civili», ha detto. Spiegando anche come tale normativa, … Continua a leggere
  • Da Renzi alla Brexit: tra falso ordine e caos
    (di Emmanuele Barbieri) Nessuno dei sindaci eletti il 19 giugno nelle principali città italiane disapplicherà la famigerata legge Cirinnà che assicura veste legale allo pseudo-matrimonio omosessuale. Per i neo-sindaci, che condividano o no il provvedimento renziano, non esiste una legge … Continua a leggere
  • Le grandi manovre per “repubblicanizzare” l’Italia
    (di Cristina Siccardi)  Il 1° giugno di 70 anni fa, vigilia del referendum istituzionale, Pio XII si rivolse al Sacro Collegio e, attraverso la radio, agli elettori italiani e francesi (anche in Francia, infatti, si votava, per le elezioni politiche), … Continua a leggere
  • L’eutanasia in parlamento
    (di Tommaso Scandroglio) Tornano a soffiare venti di morte sul Parlamento. Infatti, incassate le Unioni civili, ora si dibatte di eutanasia nei palazzi del potere. Sono sette le proposte di legge sul tema – ed altre sono in fase di … Continua a leggere
  • Il tradimento storico dei “cattolici”
    (di Roberto de Mattei) L’approvazione dello pseudo-matrimonio omosessuale, avvenuta al Senato il 25 febbraio 2016, con 173 sì, 71 no e 76 assenze è l’ultima tappa di un processo di dissoluzione della società italiana che parte dall’introduzione del divorzio (1970), … Continua a leggere
  • Mezzogiorno tra retorica e immondizia
    (di Danilo Quinto) Roberto Saviano ha convocato per il 7 agosto la direzione del Partito Democratico, che avrà come tema il Mezzogiorno. Non sembri un paradosso. È bastato un editoriale dell’autore di Gomorra su Repubblica dell’altro giorno – «Caro premier … Continua a leggere
  • Riportiamo in patria i Re d’Italia
    (di Cristina Siccardi) Dopo il recente attentato al Consolato italiano in Egitto, un accorato e composto appello è giunto dalla Principessa Maria Gabriella di Savoia, che ha inviato una lettera a Paolo Granzotto  de il Giornale, lettera che il 16 … Continua a leggere
  • Metropolitana C di Roma: una grande opera inutile
    (di Danilo Quinto) Insieme al Ministro per le Infrastrutture, Graziano Del Rio, il Sindaco di Roma ha inaugurato il 29 giugno la seconda tratta della linea C della Metropolitana. «Sono molto orgoglioso di questo risultato», ha detto Ignazio Marino. «Se … Continua a leggere